Parmitano sulla Luna. Perché no? L’astronauta italiano dei record, da poco rientrato dalla missione Beyond dell’Esa, ha confermato un suo interessamento riguardo ad una capatina futura sulla Luna. Durante una diretta streaming organizzata da Formiche.net e Airpress per presentare il docu-film Starman, assieme al suo produttore Gianluca Cerasola e al sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega allo Spazio, Riccardo Fraccaro, Parmitano ha risposto alla domanda della giornalista Flavia Giacobbe: “Io in missione sulla Luna? Potrei essere un buon candidato che può dare un buon contributo”.

Parmitano ha poi voluto precisare: “Devo fare una grossa distinzione tra sogno e progetto. Il progetto dipende da me, ovvero nel costruire delle basi formative per essere un’astronauta competitivo quando ci sarà la selezione per andare sulla Luna”. E ha concluso: “Ho 43 anni sono ancora relativamente giovane e ho una buona esperienza. Penso di essere un buon candidato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elettra Lamborghini: “State attenti a certi maniaci. Una volta che le foto sono in rete, nonostante le denunce, lì restano”

next
Articolo Successivo

Daniela Martani: “I miei conoscenti che hanno fatto radio e chemioterapia sono morti. Mauro Corona? Un poveraccio che soffre di demenza senile”

next