“Come va Oscar?”. “Bene”. “Dai Oscar che ce la facciamo”. Il primo intervento di chirurgia da sveglio effettuato all’ospedale Maggiore di Cremona dopo l’emergenza sanitaria è stato eseguito su un paziente sessantenne il quale, durante il delicato intervento per l’asportazione di un tumore al cervello, ha potuto continuare a esercitare la sua passione: il grande amore per la pittura. Il video dell’intervento di chirurgia super-specialistica è stato realizzato da ProCremona e diffuso dall’ufficio stampa del nosocomio cremonese. “Disegnare in sala operatoria è stato surreale ma rilassante – ha detto Oscar -. Mi ha aiutato a distogliere il pensiero da quello che stava accadendo e a concentrarmi sulla natura. Per questo ho scelto di disegnare un paesaggio: mi ha fatto stare bene, e con l’immaginazione, per un po’ di minuti, sono uscito dall’ospedale”. La chirurgia da sveglio viene applicata per il trattamento delle aree critiche del cervello (linguaggio, movimento) e vede il paziente collaborante durante la seduta operatoria. Lo scopo è quello di valutare in diretta gli esiti dell’azione del neurochirurgo e ridurre al minimo i rischi. “La chirurgia da sveglio è un punto di forza per la nostra azienda. Sapere che questa attività possa riprendere è una ottima notizia, una sorta di rinascita”, ha detto il direttore generale della Asst (azienda socio-sanitaria) di Cremona, Giuseppe Rossi. “Durante i colloqui preparatori – afferma il primario di Neurochirurgia, Antonio Fioravanti – ho scoperto la passione di Oscar per la pittura e ho appreso la sua preoccupazione per l’eventuale perdita di questa abilità artistica per lui di fondamentale importanza. Ecco che, durante l’intervento, per verificare che le funzioni del linguaggio e del movimento rimanessero integre, abbiamo scelto insieme di fare la prova del disegno. Mentre io operavo lui disegnava”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lombardia, protesta sotto la Regione per chiedere le dimissioni di Fontana e Gallera: “L’incompetenza ha aiutato il virus a uccidere”

next
Articolo Successivo

Fase 2, il governo: “Tutte le Regioni riaprono dal 3 giugno”. Speranza: “Ma monitoraggio continua”. Ora confronto Boccia-governatori

next