Pedicure al cane, groupie di Papa Francesco, bikini mozzafiato e tanto yoga. La vita da quarantena per la 62enne Sharon Stone sembra essere un bell’andare. La celebre interprete di Basic Instinct si è raccontata in una lunga intervista su IoDonna. Dalla sua villa con piscina di Los Angeles eccola immersa nelle sue abitudini di clausura imposte dal lockdown (“d’altronde non esco quasi mai, per non essere inseguita dai paparazzi; come un’eremita ci vivo da vent’anni”). Tra un mantra e un’asana, una Stone acqua e sapone spiega del suo interesse e della sua preveggenza rispetto all’imporsi del Sars Cov-2. “Quando ho cancellato i miei voli e i vari appuntamenti di lavoro. Il mio avvocato era preoccupatissimo: ‘Ti faranno causa, vedrai‘. ‘No, semmai vedrai tu. E vedrai pure che ho ragione'”; ha raccontato.

“Io sono sempre stata un po’ preveggente… In realtà, so ascoltare gli altri con attenzione e seguo con interesse varie ricerche e dati scientifici. Sono in contatto da 25 anni con il mondo delle malattie infettive e da sempre lavoro con medici e ricercatori per l’Amfar, l’organizzazione per la cura contro l’Aids”. La star hollywoodiana, oggi impegnata molto in serie tv, ha mostrato anche il suo attaccamento e la sua adorazione per papa Francesco: “Stimo profondamente il vostro Papa, sono una sua groupie devota. Supera a piè pari tutti i sistemi burocratici, è un leader autentico in tempi di crisi globali. Quando parla del vero significato della famiglia mi conquista, mi commuove, mi colpisce la sua idea di includere e comprendere più famiglie possibili in un universo moderno”, ha ricordato entusiasta l’attrice, due mariti alle spalle e tre figli oramai grandi. Infine, eccola dal suo profilo Instagram, a bordo piscina, con un bikini che ne mostra ancora il fisico perfetto, una buffa occupazione con vittima involontaria il povero bulldog francese Joe: Sharon gli fa la pedicure con tanto di smalto sulle unghiette.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vittorio Brumotti dopo l’aggressione: “Lo faccio per vocazione. Come la fede per i preti”

next
Articolo Successivo

Raoul Bova a Luca Palamara: “Ti prego di indagare su questa sentenza”. Poi uno scambio sui giornalisti: “Non si smentiscono mai”, “Una piaga”

next