Sandra Milo riprende lo sciopero della fame contro il governo Conte. L’aggiornamento sulla protesta “pannelliana” dell’attrice di origine tunisina giunge da Live – Non è la D’Urso dove la Milo è stata ospite in collegamento da casa sua. “Giuseppe Conte mi ha promesso che mi avrebbe richiamata venerdì ma non l’ha ancora fatto, forse lo farà lunedì”, ha spiegato l’interprete de La dolce vita. La Milo aveva intrapreso lo sciopero della fame alcuni giorni fa in segno di protesta per gli artisti e per la vicinanza ai lavoratori autonomi e le partite Iva in forte difficoltà economica a seguito del lockdown imposto dal governo italiano per arginare il Coronavirus.

“Conte mi ha chiamato, mi ha fatto i complimenti per la mia carriera e mi ha chiesto quale fosse il mio piatto preferito, gli ho risposto spaghetti al pomodoro, e mi ha chiesto di mangiarli. Io l’ho fatto, ma poi ho ripreso il mio sciopero”, ha raccontato la donna di fronte agli occhioni sgranati della D’Urso. A seguito della telefonata all’attrice, il presidente del consiglio le avrebbe promesso di accogliere una piccola delegazione di lavoratori con l’obiettivo di trovare una soluzione. La telefonata promessa per venerdì scorso, però, non è arrivata, e quindi l’attrice ha ricominciato lo sciopero della fame. “Sono sicura che lo farà, è una brava persona”, ha detto la Milo, oggi 87enne, celebre per essere stata vicinissima ad un altro presidente del consiglio della storia italiana, Bettino Craxi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lady Diana, le ultime rivelazioni sulla sua morte: “Se avesse indossato la cintura di sicurezza si sarebbe salvata, per 45 minuti è rimasta cosciente”

next
Articolo Successivo

Salvo Veneziano e la domanda che ha fatto infuriare Crisitina Plevani: ecco perché lei ha ragione e i ‘salviveneziani’ dovrebbero imparare a farsi i ca**i propri

next