Li Shufu, patron del gruppo automobilistico cinese Geely, vuole ampliare maggiormente la collaborazione con Daimler, di cui è il primo azionista. Un messaggio chiaro quello che il numero uno del colosso asiatico lancia al costruttore tedesco e al quale quest’ultimo, molto probabilmente, dovrà dare necessariamente un seguito, visti i rapporti di forza nell’azionariato dell’azienda. Ciò fa pensare che il rafforzamento della partnership possa passare per la condivisione di piattaforme costruttive e meccaniche – al fine di ottimizzare le economie di scala e far crescere gli utili – ma anche per investimenti comuni in ricerca e sviluppo.

Negli ultimi anni le mosse strategiche di Li Shufu hanno catapultato Geely ai vertici dell’industria mondiale, sia per il valore intrinseco dei marchi posseduti, sia per quello tecnologico e commerciale degli stessi. Lo shopping del magnate cinese è iniziato nel 2010, con l’acquisizione di Volvo, ex proprietà di Ford. Da quella data il brand scandinavo è stato brillantemente rilanciato. Nel 2018, invece, Geely è diventata maggior azionista di Daimler, rastrellandone azioni per 7,5 miliardi di euro e garantendosi il 9,7% dell’azionariato: ecco perché difficilmente Daimler potrà sottrarsi alla volontà di Geely di allargare ulteriormente le maglie della collaborazione già in essere.

Nel 2017 è finita nella rete cinese pure Lotus: Geely ne controlla il 51% ed è pronta a rilanciarla con nuove sportive ed un suv, col target di portare le vendite dalle poche centinaia di unità a oltre 10 mila pezzi negli anni a venire. Il gigante asiatico ha poi presentato Link&Co, brand generalista che punta forte sul rapporto qualità/prezzo e che è pronto al lancio europeo di un suv ibrido plug-in progettato e disegnato in Svezia: sfrutta la piattaforma costruttiva della Volvo XC40.

L’ultimo affare il gruppo di Hangzhou lo ha firmato a inizio 2019, acquisendo il 50% di Smart: quella del futuro, 100% elettrica, sarà ingegnerizzata e costruita in Cina mentre a Daimler, l’altro proprietario, resterà la responsabilità di curarne il design. Le due multinazionali hanno anche investito in Volocopter, una compagnia dedicata al futuro business dei taxi volanti. Geely è pure proprietà della London Electric Vehicle Company (Levc), che costruisce i taxi elettrici di Londra, e di Cao Cao, il più grande car sharing cinese con una flotta di 12 mila veicoli elettrici. Infine, fra i gioielli di Li Shufu c’è Polestar, nata da una costola di Volvo per fare concorrenza all’americana Tesla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pininfarina, novant’anni di design tra auto e futuro. Online i festeggiamenti

next
Articolo Successivo

Unione Industriale di Torino e Anfia, una lettera a Conte per chiedere incentivi statali

next