Qualcosa si era mosso già all’inizio dello scorso anno, ma ora c’è l’ufficialità: Mercedes-Benz e i cinesi di Zhejiang Geely Holding Group hanno costituito una joint venture paritetica che ha come oggetto la produzione di nuovi modelli e lo sviluppo a livello mondiale del marchio Smart.

La sede della nuova “entità” sarà a Ningbo, nella parte orientale della Cina, ed il capitale sociale ammonterà a 5,2 miliardi di yuan, ovvero circa 700 milioni di euro, equamente finanziati dalle due aziende.

L’obiettivo dichiarato è quello di sostenere e far affermare il brand a livello mondiale come produttore di riferimento di veicoli elettrici premium per la mobilità urbana.

A tale scopo, la prima vettura frutto della nuova alleanza verrà prodotta in Cina (ma probabilmente ingegnerizzata nella storica sede di Smart ad Hambach) e vedrà la luce nel 2022, anno in cui sarà anche commercializzata in tutto il mondo.

“Con i suoi vantaggi nella ricerca e sviluppo, nella produzione e nelle catene di fornitura, Geely rafforzerà la cooperazione sulla base dell’uguaglianza, del vantaggio reciproco, infine accelererà la trasformazione elettrica e intelligente di Smart”, ha dichiarato il numero uno del colosso cinese Li Shufu. A cui ha fatto eco il suo omologo nel gruppo Daimler, Ola Kallenius: ” La joint venture porterà la prossima generazione di auto elettriche intelligenti ad emissioni zero sul mercato cinese e globale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tesla, finisce il 2019 con il boom di vendite e inizia il 2020 con l’auto cinese

next
Articolo Successivo

Auto elettriche e guida autonoma, Deloitte: “Ai consumatori non interessano”

next