Arisa si racconta. Ospite in collegamento da casa di Caterina Balivo a Vieni da me, la cantante parla della sua vita, comprese le prime esperienze artistiche una volta lasciato il lavoro da parrucchiera “Cantavo, chiedevo consiglio ai miei clienti con cui avevo un rapporto bellissimo – spiega – Una volta dovevo andare a fare il provino di Amici, tanto tempo fa, facevo la parrucchiera. Una cliente mi regalò 100 euro e pagai il treno”. Ma la cantante non superò il provino: “Presero Antonino Spadaccino e una ragazza di Napoli che si chiamava Maddalena. Un po’ mi è dispiaciuto perché avrei voluto continuare l’amicizia con Antonino”. Insomma, quella che oggi è una delle più belle voci del panorama musicale italiano non ha superato il provino di un famoso talent. Qualche parola anche sull’ultima provocazione della cantante che sul suo profilo Instagram ha parlato ai suoi follower di accettare le persone per come sono, senza desiderarle diverse fisicamente. In un mercato dove l’artista è sempre più legato anche all’apparenza, Arisa non ci sta: “La vera Arisa è Rosalba con i suoi capelli però a volte mi faccio indurre in tentazione perché i miei followers mi fanno capire che mi amerebbero molto di più se avessi una bellezza canonica. Alcuni followers di passaggio hanno sempre da dire sul mio aspetto fisico e penalizzo le mie canzoni perché se fossi più attraente, le mie canzoni avrebbero un riscontro diverso”. Sarà, ma a noi Arisa piace esattamente com’è. Lei e la sua voce incredibile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilari Blasi mostra per la prima volta la cameretta di Francesco Totti e le sue foto del passato: “Tiè, faceva anche il modello”

next
Articolo Successivo

Fase 2, palestra di Roma: “Riapriamo con regole nuove. Abiti in sacche, sanificazione dei macchinari, docce saponate e distanze”

next