Sei abbonato a Netflix ma da un anno non guardi né film né serie? Prego, accomodati da qualche altra parte. Netflix ha infatti annunciato la cancellazione di centinaia di migliaia di profili che nel corso dei prossimi mesi saranno disattivati in automatico dal servizio. Abbonati e paganti sì, ma impossibilitati ad avere accesso al servizio. La mannaia Netflix sembra cadrà sul collo degli utenti rimasti inattivi, o che pur cercando in catalogo non hanno pigiato sull’iconcina del play di serie e film, per almeno un anno. Questi riceveranno una mail dove verrà chiesto loro se intendono continuare a pagare l’abbonamento e, in caso di risposta mancante, l’account sarà disattivato. “Non vogliamo che le persone paghino per qualcosa che non utilizzano”, ha affermato Eddy Wu, responsabile dell’innovazione del prodotto Netflix. “Chiederemo a tutti quelli che non hanno guardato niente su Netflix nell’ultimo anno di confermare l’abbonamento. Faremo lo stesso per chi non ha guardato nulla negli ultimi due anni”. Le mail dovrebbero già giungere nelle caselle di posta di questi utenti nelle prossime settimane. Gli inattivi rappresentano una percentuale molto bassa del totale, circa il 0,5%, eppure siamo nell’ordine delle centinaia di migliaia di utenti. La cancellazione però non significa una dissoluzione totale dell’utente per sempre, anzi, i dati, seppur minimi di “non visione” rimarranno in archivio Netflix nel caso in un futuro l’utente ci ripensasse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rita Pavone, Bugo e Morgan a Sanremo? Dopo tre mesi la cantante racconta

next
Articolo Successivo

Principe William e Carlo, forte tensione tra i due: “Per lui è stato il colpo finale”

next