Gianmarco Tognazzi è stato ospite dell’ultima puntata di Vieni da Me e a Caterina Balivo ha rivelato un episodio inedito del suo passato, quando ha rischiato di morire ed è stato salvato da Enzo Jannacci. L’attore romano si è raccontato a cuore aperto, parlando del rapporto con il padre Ugo e svelando appunto quanto gli accadde nella sua infanzia.

“Enzo Jannacci era un amico di famiglia. Mi salvò la vita durante un Natale a Varese. Ebbi una strana crisi, mi si gonfiò il collo, stavo per morire soffocato e mi fece un punturone che mi salvò la vita. Avevo quattro anni e non ricordo bene – ha svelato -. Ma era un grande dottore. Jannacci e Gaber sono stati fin da bambino i miei riferimenti musicali”, ha concluso Tognazzi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“La Prova del Cuoco chiude, ma torna Antonella Clerici con un nuovo programma dalla sua casa nel bosco. Elisa Isoardi? Ecco cosa farà”

next
Articolo Successivo

Dritto e Rovescio, l’inviato di Paolo del Debbio preso a sassate in diretta davanti alla stazione Tiburtina: “Non possiamo nemmeno accendere le telecamere”

next