“Lunedì prossimo insieme al ministro Patuanelli incontreremo sia i vertici aziendali che le parti sociali dell’ex Ilva”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, intervenendo a Sono le venti sul Nove, spiegando le possibili soluzioni qualora ArcelorMittal dovesse decidere di disimpegnarsi dal controllo dell’acciaieria. “La siderurgia è un asse strategico per il nostro Paese”, ha sottolineato. “Sull’ex Ilva bisognerà trovare una soluzione”. “Oltre al fatto che è un asse strategico per il nostro paese – ha aggiunto il ministro – bisogna tutelare quelle migliaia di lavoratori che da tanti anni lavorano in questo contesto, non bisogna giocare con la vita dei lavoratori. È importante che questa questione si risolva e si risolva in modo chiaro e nel più breve tempo possibile

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, nell’emergenza i colossi dell’acciaio italiano smobilitano. Dalla fuga di Mittal all’addio di Thyssen a Terni. Gli operai: “Il Covid è una scusa”. Il sindacalista: “Inizia stagione di lotta”

next
Articolo Successivo

Fase 2, si torna in ufficio: per farlo in sicurezza ci vuole un approccio sistemico

next