“Sanatoria per 600mila migranti con il dl Rilancio? Numeri molto più modesti”, così in conferenza stampa il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, precisa alcuni numeri usciti nelle scorse settimane sui lavoratori stranieri che saranno messi in regola nel prossimo decreto. Il premier sottolinea però che “i principi che ho richiamato esiliano ai margini qualsiasi considerazione sui numeri”. Poi riprende i dati dei precedenti governi: “Non voglio fare comparazione, se sbaglio qualche calcolo mi scuso preventivamente, ma il centrodestra ne ha regolarizzato 877mila e il centrosinistra 500mila e rotti”. In ogni caso, la linea guida è quella dei principi, come la dignità delle persone, il contrasto alle mafie e al caporalato e la sicurezza sanitaria.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, dl Rilancio: 3,25 miliardi alla sanità. Raddoppieranno le terapie intensive, 4200 borse per specializzandi

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Conte: “Turismo? Non accettiamo accordi bilaterali all’interno dell’Ue che creano corridoi privilegiati. Saremmo fuori dall’Unione”

next