L’emergenza sanitaria ha cambiato le abitudini di molte famiglie nel nostro Paese. In pochi mesi, abbiamo assistito a una rivoluzione che ha rivoluzionato in poco tempo anche l’esperienza di docenti e studenti, che hanno dovuto ripensare l’approccio all’insegnamento e all’apprendimento e applicare le proprie competenze in uno scenario completamente nuovo. Sono circa 6,7 milioni (circa l’80%) gli alunni che attualmente frequentano lezioni a distanza. Quale sarà quindi il futuro della scuola in Italia? E cosa significa oggi fare didattica online? Sono queste le domande al centro dell’Edu Day, l’evento organizzato da Microsoft in collaborazione con il ministero dell’Istruzione e dedicato al mondo della scuola, dell’università e dei musei. Partecipano docenti, studenti, la ministra della Scuola Lucia Azzolina e quello dell’Università e della ricerca Gaetano Manfredi. Segui la diretta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la didattica a distanza si arena sulla burocrazia. A Bologna tablet della Regione distribuiti “entro” l’anno prossimo

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i presidi Cisl: “L’esame di terza media fatto così è incostituzionale. Troppo poco tempo per presentare le tesine”

next