“Quando arriverà il vaccino per il coronavirus, ci sarà una vera corsa per ottenerlo. Sarà difficile averne abbastanza per tutti quelli che lo vogliono fare. E se ci sarà una piccola quota che non lo vorrà fare, non è un problema, perché ciò che conta è raggiungere l’immunità di gregge, o meglio di comunità”. Sono le parole dell’immunologo Guido Forni, già professore ordinario di Immunologia all’Università di Torino e socio dell’Accademia Nazionale dei Lincei, nel corso della trasmissione “L’imprenditore e gli altri”, su Radio Cusano Tv Italia.

Lo scienziato, autore del libro “I vaccini fanno bene. Perché dobbiamo credere nella scienza per difenderci da virus e batteri”, scritto con Alberto Mantovani, direttore scientifico e presidente della Fondazione Humanitas, spiega: “Non c’è bisogno che tutti siano vaccinati al coronavirus. Se, però, la maggior parte delle persone è vaccinata, il virus non può più trasmettersi dall’uno all’altro. Viene, cioè, bloccato, è come stare in casa. Va bene, quindi, che ci sia una quota di popolazione che non vuole sottoporsi al vaccino. Non bisogna renderlo obbligatorio – chiosa – Ci sarà, infatti, il rischio che tutti vogliano il vaccino. Il problema che l’Oms prevede è che ci saranno poche dosi inizialmente e che solo i Paesi più ricchi riusciranno ad averlo prima che venga prodotto su larga scala per tutto il mondo. Ci sarà dunque una vera e propria lotta per questo vaccino. Poi, tra un anno o due, verrà distribuito in tutto il mondo e chi vorrà, potrà farselo. Quando lo avremo? In Italia tra un anno o un anno e mezzo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, sconto Irap nel decreto Rilancio. Gualtieri: “Abboneremo rata giugno per medie imprese. Accelerazione su cassa integrazione”

next
Articolo Successivo

Lavoratori stranieri, il braccio di ferro non è finito. M5s: “Intesa trovata su un permesso di 6 mesi? Non ci risulta, no a condoni per chi sfrutta”

next