Una deflagrazione dovuta all’azione di agenti chimici presenti in un laboratorio allestito dentro all’abitazione. È questa una delle ipotesi sulle quali stanno lavorando gli investigatori, dopo che una villetta è esplosa all’alba ad Andrate, nel territorio comunale di Fino Mornasco (Como), distruggendo quasi totalmente l’edificio e uccidendo Alessandro Fino, 21 anni.

Saranno gli accertamenti del nucleo Usar dei Vigili del Fuoco a stabilire esattamente cosa è successo, ma di certo c’è che la causa dell’incidente non può essere attribuita a una fuga di gas, come ipotizzato inizialmente. Versione confermata anche dall’arrivo sul posto degli artificieri. Da ciò che è emerso, però, il giovane aveva un hobby: aveva attrezzato un laboratorio chimico nella cantina della villetta e vi trascorreva tempo facendo esperimenti. E tra le sostanze che maneggiava sembra che ce ne fossero anche di potenzialmente esplosive: per questo non si esclude che, nonostante non si sappia quanto Alessandro e i familiari fossero consapevoli della situazione, possa essere stato questo a provocare l’esplosione che ha danneggiato anche le villette vicine all’abitazione dei Fino.

L’allarme è scattato alle 6, quando nella casa si è verificata una serie di esplosioni che hanno allarmato i vicini, scesi per strada. Subito dopo, nell’abitazione si è sviluppato un incendio, con il fumo visibile dall’esterno. Quindi, come è documentato in un video girato da un vicino, è arrivato all’improvviso il botto: “Sembrava una bomba di carro armato – racconta un testimone -, con il fumo, le fiamme e gli oggetti di casa proiettati fuori. Un miracolo che non si sia fatto male nessuno”.

Il papà di Alessandro ha trovato rifugio in giardino e ha dato l’allarme, la mamma era già al lavoro, mentre il fratello ospite dai nonni. Il 21enne, dopo i primi scoppi e l’incendio, è stato notato alla finestra del primo piano, ma pochi istanti dopo è arrivata l’esplosione che si è portata via tutto. L’abitazione della famiglia Fino non c’è più, pezzi di casa e di suppellettili sono volati per decine di metri senza però ferire nessuno. La Procura di Como ha aperto un’inchiesta, mentre il Comune di Fino Mornasco ha organizzato l’ospitalità per i residenti sfollati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brescia, uccide la moglie a coltellate davanti ai tre figli che avevano dato l’allarme

next
Articolo Successivo

Ciampino, omicidio in un condominio: killer fa irruzione in casa e apre il fuoco contro due persone. Un ferito in gravi condizioni

next