Cinquanta artisti della musica italiana insieme, rigorosamente ognuno da casa propria, per sostenere la Croce Rossa Italiana. Sotto la supervisione di alcuni dei produttori più importanti del momento Takagi & Ketra e Dardust, artisti da Fiorella Mannoia a Eros Ramazzotti, passando per Fiorello, Fabri Fibra e Marracash hanno intonato “Ma il cielo è sempre più blu”, brano del 1975 di Rino Gaetano. Il brano è accompagnato da un video molto bello diretto da Mauro Russo. L’iniziativa benefica è nata da una idea di Franco Zanetti di Rockol ed è stata promossa da Amazon, insieme alle principali associazioni industriali del settore musicale italiano, AFI, FIMI e PMI.

Gli altri artisti che hanno partecipato sono: Alessandra Amoroso, Annalisa, Arisa, Baby K, Claudio Baglioni, Benji & Fede, Loredana Bertè, Boomdabash, Carl Brave, Michele Bravi, Bugo, Luca Carboni, Simone Cristicchi, Gigi D’Alessio, Cristina D’Avena, Fred De Palma, Diodato, Dolcenera, Elodie, Emma, Fedez, Giusy Ferreri, Francesco Gabbani, Irene Grandi, Il Volo, Izi, Paolo Jannacci, J-Ax, Emis Killa, Levante, Lo Stato Sociale, Marco Masini, Ermal Meta, Gianni Morandi, Fabrizio Moro, Nek, Noemi, Rita Pavone, Piero Pelù, Max Pezzali, Pinguini Tattici Nucleari, Pupo, Raf, Francesco Renga, Samuel, Francesco Sarcina, Saturnino, Umberto Tozzi, Ornella Vanoni e Alessandro Gaetano, il figlio di Rino.

Tutti i diritti della traccia saranno devoluti alla Croce Rossa Italiana. E per permettere che anche tutti proventi discografici ed editoriali di questa versione vengano dati in beneficenza, la cover collettiva è stata depositata di nuovo con il titolo di “Ma il cielo è sempre blu (Italianstars4life)”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vittorio Sgarbi: “Sono stato a casa perché non sapevo dove ca**o andare. Ma finalmente ha vinto la mia linea”

next
Articolo Successivo

Mara Venier: “Mio marito mi fa i video mentre sto scopando, quando non me ne accorgo”. Paolo Bonolis in imbarazzo per il doppio senso

next