“Abbiamo visto per due mesi ospedali, letti, mascherine, cadaveri, bare, cimiteri. Quest’immagine è diventata così dominante che abbiamo scambiato questa situazione per una peste”. Nel giorno del suo 68esimo compleanno, Vittorio Sgarbi è tornato a raccontare il suo punto di vista sull’emergenza Coronavirus. “Finalmente ha vinto la mia linea: stare all’aria aperta è più sano che stare al chiuso. Il virus si trasmette al chiuso e non all’aperto. I parchi, le piazze e le campagne sono stati concessi da un governo che li aveva proibiti senza senso. Io potrei andare in bicicletta da Milano a Reggio Calabria senza problemi“, ha raccontato a Radio 105.

“Di fatto ci sono mille germi che possono girare. Non si capisce perché dobbiamo essere preoccupati di uno e di qualunque altro. Avrebbero dovuto capire dove c’era un rischio potente e dove forse hanno sbagliato qualcosa, come è successo in Lombardia. Ma a Matera o a Siracusa la possibilità di essere contagiati e morire dopo due settimane è la stessa che prendere qualunque altra malattia che poi guarisce. Questo non ce l’hanno detto”, ha aggiunto il critico d’arte.

Nonostante tutto, anche il critico d’arte ha rispettato la quarantena: “Sono stato in casa perché non sapevo dove cazzo andare. Come deputato e sindaco potevo andare in giro, non ho voluto abusare delle mie prerogative e sono rimasto in casa. Anche perché nessuno voleva ricevermi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Patrizia De Blanck caccia di casa la figlia Giada: “L’ho colpita con la scopa, ha il coronavirus nella testa”

next
Articolo Successivo

“Ma il cielo è sempre più blu”, da Fabri Fibra a Fiorello: 50 artisti della musica italiana cantano per la Croce Rossa Italiana. Ecco il video

next