Un parlamentare iracheno ha affermato a marzo, chiedendo di restare anonimo, che la pandemia di Covid-19 potrebbe permettere un risultato che polizia e paramilitari fondamentalisti non sono riusciti a ottenere in mesi di violenze: mettere fine al coriaceo (e apparentemente instancabile) movimento popolare esploso l’ottobre scorso.

Dopo sei mesi di scontri con il governo e le milizie filo-iraniane che lo difendono, costati oltre 600 morti e migliaia di feriti tra i dimostranti, il movimento aveva infatti annunciato (21 marzo) l’interruzione dei raduni per non aumentare i contagi.

L’appello, però, non è stato seguito da tutti. In molti continuano ad affluire sui luoghi dei sit-in, talvolta alternando le presenze per rendere possibile il distanziamento. Neanche i nemici del movimento si sono fermati per il lockdown: il 5 aprile la militante Anwar Jassem Mhawwas è stata assassinata a colpi d’arma da fuoco nella sua casa di Nassiriya. Due settimane dopo il governo ha annunciato un allentamento del coprifuoco per facilitare i rituali del Ramadan. Si è svolta allora una manifestazione a Baghdad, ma è stata repressa con le armi.

Il movimento dimostra una resistenza e una tenacia difficili da descrivere, rare persino per la dolorosa storia del Medio oriente. È composto da donne e uomini, caratterizzato da una forte intersezione generazionale e dalla presenza di salariati e studenti, giovani in “prima linea” sostenuti da familiari e anziani nelle retrovie. È figlio di un’esasperazione ventennale per vite vissute in ostaggio di potenze straniere come Stati Uniti e Regno Unito, che hanno occupato l’Iraq dal 2003 al 2011 (con il supporto, tra gli altri, dell’Italia), ma anche Turchia e Iran, che hanno precisato le loro zone d’influenza specularmente ai due paesi anglosassoni.

È proprio nelle città sciite del sud, dove il sentimento di molti è vicino alla dottrina ufficiale iraniana sul piano confessionale, che alla lotta per l’indipendenza dagli Stati Uniti si è affiancata, recentemente, quella per l’autonomia economica e politica da Teheran. Le proteste di ottobre hanno denunciato le condizioni di lavoro e reddito di una working class meridionale spesso alle dipendenze di aziende iraniane, non a caso date alle fiamme dai dimostranti con le sedi delle milizie irachene finanziate da Teheran. Il movimento non si è, però, limitato alla contestazione su basi economiche e nazionali. Ha cercato un sentiero d’ingresso nella politica, chiedendo un sistema elettorale che consentisse anche a candidati indipendenti di entrare nelle liste, fino ad allora bloccate, dei partiti, per rivitalizzare un futuro parlamento. La determinazione della piazza ha imposto la promulgazione di una nuova legge elettorale a fine dicembre.

Il ceto politico del dopo-invasione si è quindi sentito minacciato e ha cercato, in questi mesi, di eleggere un premier che sostituisse quello in carica ad ottobre, Abdul-Mahdi, travolto dalle proteste. Il tentativo è stato ogni volta mettere d’accordo i partiti nazionali e internazionali con gli umori della folla, missione finora impossibile. Contro la soluzione gattopardesca le piazze hanno prima preteso (dicembre) di essere consultate sul nome dei candidati premier e poi (febbraio) hanno proposto il loro candidato: il farmacista Alaa al-Rikaby, di Nassiriya, da tempo volto noto della protesta. La reazione delle milizie d’ispirazione religiosa è stata ancora più violenta e i manifestanti hanno raggiunto un picco di morti e feriti proprio quando il nuovo Covid ha raggiunto Iran ed Europa.

Ecco perché la pandemia è percepita come un toccasana da una classe dirigente di cui, oltre alla spregiudicatezza, non dobbiamo sottovalutare l’incompetenza. I numeri ufficiali di contagi e decessi (ad oggi 2.296 e 97) sollevano forti dubbi, e lo stesso lockdown è stato in parte ridotto a farsa dalle mazzette che a quanto pare è disposta ad accettare la polizia. Una generazione cresciuta sotto i bombardamenti angloamericani e tra gli attentati di Al-Qaeda e dell’Isis non sembra in un contesto del genere disposta a rincasare in silenzio. Anche il senso di responsabilità e la paura mutano di significato nei diversi contesti.

Un motto degli oppositori è stato, fin dall’inizio: “Adesso, o mai più”. Non tarderemo a sapere se le ciniche previsioni dei gattopardi del Parlamento avevano colto nel segno.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Presidenziali Usa, Joe Biden in vantaggio di 6 punti su Donald Trump nei sondaggi. Il 71% vuole Elizabeth Warren come sua vice

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Nyt: “Donald Trump vuole chiudere la task force dell’immunologo Fauci”

next