Bruxelles ha lanciato una procedura d’infrazione contro la Polonia per la legge approvata lo scorso dicembre, che assoggetta i giudici all’esecutivo, ledendo il principio della separazione dei poteri. La legge, in vigore da febbraio, “apporta modifiche al funzionamento del sistema giudiziario, col serio rischio di un controllo politico del sistema“. Lo annuncia la vicepresidente dell’Esecutivo Ue, Vera Jurova: “Il virus non può uccidere la democrazia”, ha affermato Jurova, invitando Varsavia ad “affrontare le preoccupazioni” sullo stato di diritto della Commissione Ue. La Polonia ora ha due mesi per rispondere.

Già a gennaio, Il Parlamento europeo aveva chiesto audizioni obiettive e trasparenti con le autorità nazionali a causa del deterioramento della situazione sullo Stato di diritto. Una risoluzione votata dai membri dell’Eurocamera, con 446 deputati favorevoli, 178 contrari e 41 astenuti, affermava che le audizioni in corso con la Polonia (e in quel caso anche l’Ungheria) non avevano portato i due Stati membri a riallinearsi ai valori fondanti dell’Unione europea.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, “Problemi di liquidità, voucher al posto dei rimborsi per i biglietti aerei”: la lettera di 12 Paesi alla Commissione europea

next