Tra i 24 milioni di telespettatori che hanno seguito la conferenza stampa del premier Giuseppe Conte c’era anche Rosario Fiorello che sull’annunciata Fase 2 si è chiesto: “Ma alla fine i 60enni? Io mi faccio l’autocertificazione per andare a trovare me stesso!“, ha scritto su Twitter alludendo anche al fatto che si potrà uscire di casa per andare a trovare i congiunti. Nei giorni scorsi lo showman aveva sollevato il dibattito sulla possibilità di tenere a casa i sessantenni, evitando un ritorno a lavoro per ridurre il rischio di maggiori contagi.

“Salve a tutti, sono Rosario Fiorello e il 16 maggio compirò 60 anni. Allora, i 60enni devono restare in casa, quindi in pratica dal 4 al 15 maggio potrei uscire. Ma noi 60enni dobbiamo fare fronte comune e dare retta a chi ci governa. Per cui, se dicono che noi 60enni non dobbiamo uscire significa che siamo persone a rischio. Andiamo protetti, siamo come il panda, il cercopiteco, il colibrì dell’Himalaya. Siamo in via di…no, un attimo, in via di estinzione no. Però ci dicono di non uscire, quindi stiamo a casa. Va bene che i 60enni di oggi non sono quelli di una volta, siamo più arzilli, però meglio rispettare le regole. Io comunque un’uscitina fino al 15 maggio me la farò. Con la mascherina, con lo scafandro, con il passamontagna, con la muta, con la boccia del pesce rosso: ci levo il pesce, l’acqua e poi me la metto in testa. Pensavamo di essere ancora giovani, ma non è così, entriamo nella cerchia degli anziani a rischio. Mi rivolgo a Ligabue, anche tu non puoi uscire, sappilo. Pensa a Baglioni o Venditti, questi proprio finiti, rinchiusi. Insomma, io rimarrò in casa. A meno che qualcuno non dica ‘no, i 60enni possono uscire, 61, 62…63, al massimo’”, aveva scherzato in un video pubblicato su Instagram.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Rosario Fiorello (@rosario_fiorello) in data:

L’ipotesi ventilata dalla task force presieduta da Colao aveva aperto un dibattito tra gli esperti, un tema però passato in secondo piano perché il premier Conte non ha parlato nel corso del suo intervento di misure differenti per fasce d’età. Qualora l’ipotesi avesse preso piede non avrebbero potuto far ritorno a lavoro più di 17 milioni di italiani, idea probabilmente incostituzionale.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gianluca Vacchi gioca a golf sul tavolo da biliardo, i fan: “Genio”

next
Articolo Successivo

Lancia il gatto durante una videoconferenza in diretta su Zoom: politico costretto alle dimissioni

next