Giglio Mazzi è l’ultimo partigiano ancora vivo del distaccamento Katiuscia, una delle formazioni GAP (Gruppi di Azione Patriottica) che operarono nell’Emilia Romagna occupata dai tedeschi tra il settembre ‘43 e il 25 aprile 1945. A 93 anni, ancora in grande forma, racconta la storia, privata e collettiva, di quella straordinaria stagione di lotta: 20 mesi vissuti pericolosamente attorno all’asse strategico della via Emilia, senza fissa dimora e con l‘obbiettivo assoluto di combattere i nazisti e i loro servi fascisti. Giglio fu uno dei più giovani ad imbracciare la mitraglia. Fece la sua scelta di vita a neppure 17 anni, dopo il pesante bombardamento alleato delle Officine Reggiane presso le quali lavorava: o salire in montagna a scavare trincee per i tedeschi sulla Linea Gotica, o darsi alla latitanza ed abbracciare la causa della Liberazione. Il suo racconto si snoda tra assalti ai presidi fascisti e violenti scontri a fuoco con i nazisti, facendoci via via incontrare e conoscere i dodici componenti del suo distaccamento: dieci uomini e due donne, le staffette Ada e Kira, “uniti più di quanto lo siano i fratelli”, dice Giglio, perché “nel freddo inverno, quando il sangue delle ferite gelava sulla strada, noi dormivamo abbracciati l’uno all’altro per scambiarci un po’ di calore”.

Tra i GAP il tasso di mortalità era spaventosamente alto, fino all’80% nei primi mesi, per i rischi collegati alle azioni in territorio occupato. Anche Giglio, assieme al compagno Otello Montanari (partigiano Jack, poi parlamentare del PCI) viene colpito a sangue freddo da un nazista dopo una imboscata e ci racconta le ore e i giorni infiniti trascorsi tra la vita e la morte con quattro proiettili che hanno attraversato il suo corpo. Si salverà, per riprendere a combattere fino al 24 aprile, quando l’intero distaccamento Katiuscia si unisce agli Alleati in arrivo da Modena ed entra trionfante a Reggio Emilia.

Il documentario “L’ultimo GAP” racconta questa storia, indissolubilmente legata alla pianura Padana, ai suoi infiniti campi, agli uccelli e ai corsi d’acqua di cui fortunatamente c’è ancora traccia e che le immagini del film vanno a ricercare. Del distaccamento Katiuscia faceva parte anche mio padre, col nome di battaglia Teranghi, preso dal film di John Ford “Uragano” del 1937. E come Giglio anche mio padre mi ha sempre detto, parlando di quella intensa stagione di lotta: “Abbiamo fatto quello che c’era da fare. Punto e Basta.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, assembramenti e “furbi”: Toscana ferma distribuzione delle mascherine nei supermarket. Da lunedì solo farmacie

next
Articolo Successivo

25 aprile, il comandante Millo e la battaglia di libertà nelle Marche: “Quarantena a 96 anni? Mi ha permesso di riordinare l’archivio da lasciarvi”

next