Vittorio Feltri non le manda certo a dire e ha deciso di trasformarsi per un pomeriggio in un critico televisivo. Il direttore di Libero ha scelto Twitter per esprimere i suoi giudizi, piuttosto duri, partendo proprio da Diario di casa, il programma che spiega il Coronavirus ai bambini alle 14 su Rai1 con la conduzione di Armando Traverso e Carolina Benvenga: “Diario di casa è un programma tv in onda ogni giorno alla ore 14 condotto da un uomo e una donna. È dedicato ai bambini chiusi in casa. Trasmette idiozie raccapriccianti che rompono i cog**oni più del virus.”

Uno spazio di servizio pubblico di otto minuti per poi lasciare la linea a La Vita in Diretta. La penna affillata del giornalista non risparmia lo storico contenitore condotto da Alberto Matano e Lorella Cuccarini: “La Vita in Diretta fa più schifo di quella registrata“, ha tuonato senza se e senza ma. La trasmissione in questa situazione di emergenza ha aumentato le ore di programmazione e conquistato la leadership sul fronte auditel.

Feltri non ha argomentato il suo mancato apprezzamento ma ha preferito lo zapping perché pochi minuti dopo è arrivato un attacco diretto per un programma in onda su La7, rete più volte finita nel suo mirino: “Tagadà non è una brutta trasmissione: è una boiata pazzesca. Tiziana Panella è bravissima nel distillare banalità impressionanti”, ha concluso il giornalista.


Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michela Murgia, la denuncia della scrittrice: “Ho rischiato 400 euro di multa per un po’ di normalità”

next
Articolo Successivo

La giornalista si collega per un tutorial su come curare in capelli in quarantena ma nell’inquadratura spunta il marito nudo

next