La Bce è pronta “a calibrare tutti gli strumenti a disposizione” per far fronte alla situazione di emergenza per il coronavirus. Basta la frase di Isabel Schnabel, membro tedesco del comitato esecutivo della Bce nel corso di una videoconferenza, a dare un altro impulso al differenziale di rendimento tra Btp italiani e Bund tedeschi che, dopo le tensioni di ieri, torna a calare: lo spread – che aveva chiuso a 235 punti – tocca il minimo di seduta a 218. Poi risale e chiude a 231 punti con il rendimento del decennale italiano all’1,83%.

Dopo aver tentato il rimbalzo con guadagni oltre il 2%, Piazza Affari resiste quanto meno in positivo: a fine giornata il Ftse Mib segna un aumento dello 0,29% a 16.768 punti. Giornata fiacca per i mercati azionari del Vecchio continente, che comunque hanno chiuso attorno alla parità: Londra ha segnato un rialzo finale dello 0,55% e Francoforte dello 0,21%, mentre Parigi ha chiuso in calo frazionale dello 0,08%. Più debole Madrid: -0,48% finale.

Il motivo del raffreddamento dei mercati azionari è la frenata della produzione industriale nell’eurozona a febbraio: l’Eurostat ha comunicato che già prima che le misure di contenimento della pandemia fossero introdotte diffusamente negli Stati membri, nell’area euro la produzione industriale è calata dello 0,1% rispetto a gennaio, diminuendo dell’1,9% rispetto al febbraio 2019.

Piazza Affari invece ha seguito soprattutto l’andamento dei titoli di Stato italiani, con una chiusura dello spread nei confronti della Germania a quota 231. Tra i titoli principali comunque ottima seduta per Pirelli, che ha segnato un rialzo finale del 5,3% a 3,28 euro, con Ferrari in crescita del 3,8% e Prysmian del 3,7%. Tra le banche la migliore è stata Ubi in aumento del 2,9% a 2,37 euro, mentre ha chiuso in calo dell’1% Mediobanca. Debole Tim (-1,2%), Eni (-1,4%) e Generali (-1,6%). Vendite su Atlantia (-3%) e Bper, che ha segnato un ribasso del 4,3% nel giorno dell’annuncio del cambio di nome e dei dati 2019 della Banca di Sassari, del gruppo della banca emiliano-romagnola.

I mercati azionari hanno provato faticosamente a lasciarsi alle spalle il crollo di mercoledì, dovute alle previsioni profondamente negative arrivate dal Fondo monetario internazionale, unite all’incertezza in Europa su quale sarà l’esito delle trattative sugli aiuti per i Paesi più colpiti, in attesa del Consiglio europeo del 23 aprile.

In Italia, poi, a trascinare le vendite mercoledì era stato anche il dibattito interno alla maggioranza sull’opportunità o meno di fare ricorso al Mes senza condizionalità per le spese sanitarie. Uno scontro tra M5s e Pd messo per il momento a tacere dal premier Giuseppe Conte che ha chiesto una tregua ai due partiti, definendo il dibattito ancora prematuro: “Mi batterò perché il Mes non abbia condizioni vessatorie. L’ultima parola al Parlamento”, ha spiegato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, sale lo spread Btp-Bund: chiude a 235 punti solo dopo intervento Bce. Milano perde quasi il 5%, in rosso tutte le Borse Ue

next
Articolo Successivo

Dl liquidità, “lunedì o martedì” in arrivo i prestiti fino a 25mila euro con garanzia pubblica alle imprese che li hanno chiesti

next