La Bce è pronta “a calibrare tutti gli strumenti a disposizione” per far fronte alla situazione di emergenza per il coronavirus. Basta la frase di Isabel Schnabel, membro tedesco del comitato esecutivo della Bce nel corso di una videoconferenza, a dare un altro impulso al differenziale di rendimento tra Btp italiani e Bund tedeschi che, dopo le tensioni di ieri, torna a calare: lo spread – che aveva chiuso a 235 punti – tocca il minimo di seduta a 218. Poi risale e chiude a 231 punti con il rendimento del decennale italiano all’1,83%.

Dopo aver tentato il rimbalzo con guadagni oltre il 2%, Piazza Affari resiste quanto meno in positivo: a fine giornata il Ftse Mib segna un aumento dello 0,29% a 16.768 punti. Giornata fiacca per i mercati azionari del Vecchio continente, che comunque hanno chiuso attorno alla parità: Londra ha segnato un rialzo finale dello 0,55% e Francoforte dello 0,21%, mentre Parigi ha chiuso in calo frazionale dello 0,08%. Più debole Madrid: -0,48% finale.

Il motivo del raffreddamento dei mercati azionari è la frenata della produzione industriale nell’eurozona a febbraio: l’Eurostat ha comunicato che già prima che le misure di contenimento della pandemia fossero introdotte diffusamente negli Stati membri, nell’area euro la produzione industriale è calata dello 0,1% rispetto a gennaio, diminuendo dell’1,9% rispetto al febbraio 2019.

Piazza Affari invece ha seguito soprattutto l’andamento dei titoli di Stato italiani, con una chiusura dello spread nei confronti della Germania a quota 231. Tra i titoli principali comunque ottima seduta per Pirelli, che ha segnato un rialzo finale del 5,3% a 3,28 euro, con Ferrari in crescita del 3,8% e Prysmian del 3,7%. Tra le banche la migliore è stata Ubi in aumento del 2,9% a 2,37 euro, mentre ha chiuso in calo dell’1% Mediobanca. Debole Tim (-1,2%), Eni (-1,4%) e Generali (-1,6%). Vendite su Atlantia (-3%) e Bper, che ha segnato un ribasso del 4,3% nel giorno dell’annuncio del cambio di nome e dei dati 2019 della Banca di Sassari, del gruppo della banca emiliano-romagnola.

I mercati azionari hanno provato faticosamente a lasciarsi alle spalle il crollo di mercoledì, dovute alle previsioni profondamente negative arrivate dal Fondo monetario internazionale, unite all’incertezza in Europa su quale sarà l’esito delle trattative sugli aiuti per i Paesi più colpiti, in attesa del Consiglio europeo del 23 aprile.

In Italia, poi, a trascinare le vendite mercoledì era stato anche il dibattito interno alla maggioranza sull’opportunità o meno di fare ricorso al Mes senza condizionalità per le spese sanitarie. Uno scontro tra M5s e Pd messo per il momento a tacere dal premier Giuseppe Conte che ha chiesto una tregua ai due partiti, definendo il dibattito ancora prematuro: “Mi batterò perché il Mes non abbia condizioni vessatorie. L’ultima parola al Parlamento”, ha spiegato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, sale lo spread Btp-Bund: chiude a 235 punti solo dopo intervento Bce. Milano perde quasi il 5%, in rosso tutte le Borse Ue

next
Articolo Successivo

Dl liquidità, “lunedì o martedì” in arrivo i prestiti fino a 25mila euro con garanzia pubblica alle imprese che li hanno chiesti

next