Com’è dura la vita per Harry a Los Angeles. Sarà per il clima perennemente caldo e soleggiato anche a Natale (Woody Allen insegna), leggermente differente dalla bruma piovosa britannica, ma per l’ex principino della famiglia Windsor la quotidianità californiana sta diventando un problema. A raccontarlo in un’intervista a Radio Time è Jane Goodall. Già, la celebre primatologa britannica, oggi 86enne, nota per le sue ricerche pioneristiche negli anni Sessanta sul comportamento degli scimpanzé, è anche una grande amica della coppia Harry e Meghan. Tanto che durante l’estate 2019 è stata invitata a Frogmore Cottage. Goodall è stata anche una delle prime persone non della cerchia reale a conoscere il piccolo Archie.

Allo stesso tempo l’etologa ha un legame diretto con Harry consolidato nel tempo. “Sì, l’ho sentito. E credo che in questo momento la sua nuova vita gli risulti un po’ difficile”, ha dichiarato la Goodall svelando, in questo caso sul Daily Mail’s Weekend Magazine, un episodio che risale all’estate scorsa proprio mentre soggiornava a Frogmore Cottage. Fu la Markle ad avvicinarsi alla donna con Archie in braccio. Jane prese tra le braccia il piccolo e lo coccolò. Poi gli disse scherzosamente di fare “il saluto della regina” con la manina tesa. “Suppongo dovrà imparare”, aggiunse altrettanto scherzosamente. Ma fu in quel momento che Harry rispose serio: “No, Archie non crescerà così”. Insomma, una frase buttata lì che però celava una scelta determinata fin dall’estate 2019: l’addio suo di Meghan e Archie alla famiglia reale britannica, diventato poi effettivo il 1° aprile 2020.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Gino Sorbillo: “Costretto a chiudere almeno quattro pizzerie, a Napoli e Milano”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Steve McCurry omaggia l’Italia con le sue foto: “La gioia di vivere non vi ha abbandonati”

next