“Quando ripartiremo dovrò chiudere almeno quattro pizzerie”. Gino Sorbillo è oramai alla frutta, anzi all’ammazzacaffè. Se il governatore De Luca non consente neppure la consegna a domicilio di “30/40 pizze al giorno” a farne le spese saranno i dipendenti di quattro punti vendita del celebre marchio partenopeo della pizza, tra cui quello “sul lungomare di Napoli”. Lo ha spiegato lo stesso Sorbillo in un’intervista al Corriere del Mezzogiorno: “Sarebbe importante cominciare a riaprire per le consegne, garantirebbe una sopravvivenza minima, con 30-40 pizze al giorno per molti locali. La crisi è durissima, anche io quando si riparte dovrò chiudere almeno quattro locali, tra cui, credo, quello sul lungomare di Napoli”.

Non si capisce se si tratta di una decisione già presa o in via di elaborazione, anche perché Sorbillo batte almeno sul ripristino delle consegne a domicilio: “Parliamo di cibo appena cotto e consegnato in tutta sicurezza. Abbiamo ideato una confezionamento con pellicola alimentare che avvolge la scatola della pizza, che verrebbe confezionata appena uscita dal forno a 100 gradi, creando una camera d’aria bollente di sicurezza”. Sarebbe un primo passo per la sopravvivenza temporanea, in attesa della cosiddetta “fase 2” che però, come sappiamo da diverse anticipazioni a riguardo, non vede proprio la ristorazione tra i primi settori a riprendere. “Parliamo di un trentina di pizze al giorno che nel week-end possono salire a 80-100 pizze. Numeri per i quali forse non varrebbe nemmeno la pena riaprire ma sarebbero un primo passo. Meglio avere la macchina che cammina a filo di gas, piuttosto che tenerla spenta per tre mesi e ripartire da zero. Questa chiusura danneggia paurosamente tutti, le piccole pizzerie ma anche i pizzaioli che hanno molti locali e pagano affitti alti in alcuni casi”. È qui che Sorbillo fa calare la mannaia della chiusura: “Io stesso dovrò chiudere almeno quattro locali, quello sul lungomare di Napoli, che ha un affitto molto alto, e Zia Esterina al Vomero, ma anche due punti a Milano, credo Olio a Crudo e Zia Esterina”. Con una precisione, dove ancora, in tempi di Coronavirus si mangia la pizza: “Per ora l’unica pizzeria che funziona regolarmente è quella di Tokyo, dove si serve anche la pizza al tavolo”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Flavia Vento e Claudio Borghi (Lega): lo scambio di battute “tra i più comici di sempre”. E la domanda è cult: “Chi è Klaus?”

next
Articolo Successivo

“Il principe Harry non si trova bene a Los Angeles, la nuova vita gli risulta un po’ difficile”: la rivelazione di un’amica di Meghan Markle

next