“Serve un salario universale di base”. Papa Francesco, in una lettera indirizzata ai movimenti popolari in occasione della Pasqua e pubblicata da Avvenire, ha voluto ricordare tutti coloro che non hanno un reddito fisso e che soffrono particolarmente per l’instabilità economica causata dalla pandemia di coronavirus. “Voi, lavoratori precari, indipendenti, del settore informale o dell’economia popolare, non avete uno stipendio stabile per resistere a questo momento… e la quarantena vi risulta insopportabile”.

Quindi, proprio nella missiva, il Pontefice ipotizza l’adozione di uno strumento che aiuti le fasce più deboli: “Forse è giunto il momento di pensare a una forma di retribuzione universale di base che riconosca e dia dignità ai nobili e insostituibili compiti che svolgete; un salario che sia in grado di garantire e realizzare quello slogan così umano e cristiano: nessun lavoratore senza diritti”. I movimenti popolari comprendono tutti quei lavoratori che non hanno un entrata fissa: dai contadini senza terra ai senza dimora fino ai collaboratori domestici.

A loro questa mattina, durante il suo messaggio Urbi et orbi in occasione della Pasqua, il Papa aveva già rivolto il suo pensiero: “Per tanti”, ha detto, “è anche un tempo di preoccupazione per l’avvenire che si presenta incerto, per il lavoro che si rischia di perdere e per le altre conseguenze che l’attuale crisi porta con sé”. E, sempre in mattinata, aveva chiesto una presa di coscienza da parte della politica: “Incoraggio quanti hanno responsabilità politiche ad adoperarsi attivamente in favore del bene comune dei cittadini, fornendo i mezzi e gli strumenti necessari per consentire a tutti di condurre una vita dignitosa e favorire, quando le circostanze lo permetteranno, la ripresa delle consuete attività quotidiane”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, nel comune di Ceres gruppo di migranti produce 100 mascherine al giorno: “Ci hanno accolto, è un modo per ringraziare”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, come i bimbi vivono la quarantena e quali strategie per aiutarli: “Sono contagiati dalle emozioni degli adulti. Serve rassicurare senza nascondere la verità. E accogliere rabbia e disagio”

next