Bello da mozzare il fiato. Non come stare in cima a una delle sue vette ma il panorama è quasi paragonabile. Erano 30 anni che le vette dell’Himalaya erano invisibili a causa dell’inquinamento atmosferico. Ora, per via della riduzione dello smog dovuta allo stop forzato di industrie, automobili e qualsiasi altro mezzo di trasporto, le cime si vedono dalla regione del Punjab che si trova a 200 km di distanza. Secondo l’autorità centrale per il monitoraggio dell’inquinamento, Nuova Delhi solo nel primo giorno di lockdown ha registrato un calo del 44 per cento dei livelli di inquinamento atmosferico. Le tante foto postate sui social rendono l’idea della bellezza e dell’imponenza dell’Himalaya, persino da 200 km di distanza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Flavia Vento: “Cos’è il Mes?”. Le risposte: “Quel ch dic il pret la domen”, “E’ spagnolo: mes, tes, loros”…

next
Articolo Successivo

Pasqua 2020, Andrea Bocelli stasera al Duomo di Milano: la scaletta e come vederlo

next