In una piazza San Pietro deserta per l’emergenza coronavirus, il Papa ha presieduto il rito della Via Crucis trasmessa in mondovisione. E se l’ultima volta era apparso nella piazza per invocare la fine della pandemia, questa volta Bergoglio non ha tenuto nessun discorso al termine come era consuetudine al Colosseo ma, alla fine della dodicesima stazione, ha pregato in silenzio davanti al Crocifisso del miracolo di San Marcello. Nelle quattordici stazioni, a portare la croce, medici, infermieri del Gemelli, il cappellano del carcere Due Palazzi di Padova che ha curato le meditazioni della Via Crucis, ex detenuti e personale dell’istituto di pena.

Sul Golgota, Papa Francesco porta proprio un ex detenuto, il direttore del carcere, il vicecommissario della polizia penitenziaria, un agente della polizia, la volontaria Tatiana Mario, il cappellano don Marco Pozza e cinque tra medici e infermieri della Santa Sede. Le meditazioni quest’anno sono scritte dai detenuti del carcere e da chi con loro è, in qualche modo, in relazione. Tra le stazioni risuonano le loro storie: il pusher, i genitori di una vittima di femminicidio, il sacerdote accusato ingiustamente di pedofilia e assolto dopo otto anni di processo. “Somiglio più a Barabba che a Cristo“, scrive un ergastolano. “Eppure la condanna più feroce rimane quella della mia coscienza: di notte apro gli occhi e cerco disperatamente una luce che illumini la mia storia”. Bergoglio non aggiunge un discorso al termine del rito, come fa di solito. Quest’anno, bastano i pensieri di chi soffre. Nelle pieghe delle loro parole, il Pontefice si sente “accolto, a casa”, confessa lui stesso in una lettera scritta ai detenuti per ringraziarli del loro lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, misure prorogate al 3 maggio. Cosa cambia dal 14 aprile: riaprono librerie e negozi per bimbi ma anche altre attività, con nuove regole su mascherine e disinfettanti. Istituita task force per la Fase 2

next
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), 450 morti nelle Residenze per anziani del Piemonte. Sindaco di Grugliasco: “Tamponi solo dopo task force dell’Asl”

next