Quarto Oggiaro, periferia ovest di Milano. Qui il centro di via Carbonia si è trasformato in un punto di accoglienza per le persone che hanno sintomi riconducibili al Covid-19, ma non hanno una casa dove poter stare in isolamento. 48 alloggi per un totale di 64 posti letto destinati ai senza dimora che sono stati allestiti dal Comune insieme alla Cooperativa Dar Casa, Spazio Aperto Servizi, Emergency e Farsi Prossimo. “È un posto dove riusciamo a tenerli sotto osservazione sia da un punto di vista sociale sia sanitario” spiega l’assessore alle politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti. In questi spazi, gli ospiti hanno a disposizione una stanza per poter trascorrere in sicurezza i quattordici giorni di isolamento, ricevono i pasti e hanno un servizio di lavanderia. Dentro la struttura operano 30 operatori tra cui i volontari di Emergency che oltre a fornire una formazione ai gestori garantiscono l’assistenza sanitaria e infermieristica

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in Lombardia gli ospiti delle residenze per anziani non vengono portati in pronto soccorso per delibera della giunta

next
Articolo Successivo

Coronavirus, chiudere i porti italiani è disumano: si trovino soluzioni adeguate all’emergenza

next