Maccio Capatonda è un genio. Ma nei giorni di reclusione imposti dal coronavirus ha semplicemente superato se stesso. Il TG 40ena, direttamente registrato dal tinello di casa propria, tocca le vette del sublime. Attorno la più classica e riconoscibile oggettistica da cucina. Una macchina del caffè, quattro pomodori appoggiati dentro ad un contenitore, il frigorifero coi magneti. Maccio a mezzo busto, fogli in mano e sguardo in macchina, lancia i servizi casalinghi.

Ed è il Capatonda falsificatore dei linguaggi a regnare sovrano. Qui quel sempiterno tono da servizio giornalistico apocalittico che diventa pongo in mano al creatore divino. Maccio prima inventa il nome dell’autore del servizio, un groviglio inaudito di sillabe che spiazzano e sbellicano, poi ecco il “fatto” in esame. Si va dal dramma dei peli sul divano, a quello sulla perdita del telecomando, fino al calzino caduto dal balcone. Il tono enfatico e allarmistico che spiega il dramma e interloquisce con l’ignaro testimone e/o vittima, non ha comicamente eguali. Ed è tutta farina del sacco di Maccio: voce fuori campo e performance fronte macchina. E per non farsi mancare nulla del vero tg ci sono persino le previsioni del tempo (“venti, qualche spiffero se apro le finestre”; “temperature, nel freezer anche sottozero”). C’è anche un’edizione notturna, assolutamente straordinaria, per un servizio sul lavandino che sgocciola e non fa dormire. Le visualizzazioni in queste settimane sono volate a centinaia di migliaia. Un video va oltre il milione. E lo diciamo con grande sincerità: sarà l’unica cosa che ci mancherà quando la quarantena sarà finita.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bruce Willis e Demi Moore stanno passando insieme l’isolamento: le foto con le figlie

next
Articolo Successivo

Lucio Presta risponde ad Alessandro Cattelan: “Dice che Sanremo si guarda a prescindere da chi lo conduce? Mai mi sarei aspettato tirasse in mezzo Amadeus per farsi notare”

next