John Taylor, bassista e cofondatore dei Duran Duran, è guarito dal coronavirus. E giustamente ha voluto raccontarlo perché, come ha scritto lui stesso sul suo profilo Instagram, il covid-19 “non è sempre un assassino”. “Cari amici miei, dopo aver riflettuto ho deciso di condividere con voi che sono risultato positivo al corona virus quasi tre settimane fa. Forse sono un 59enne particolarmente robusto – mi piace pensare di esserlo – o ho avuto la fortuna di avere solo una forma lieve di Covid 19 ma dopo circa una settimana di quella che definirei una influenza con il turbo ne sono uscito sentendomi bene. Anche se devo ammettere che non pensavo che la quarantena mi avrebbe dato la possibilità di riprendermi davvero”. Così il suo post su Instagram. Che prosegue: “Dico questo in risposta all’enorme quantità di paura generata dalla pandemia, in parte del tutto giustificata, e il mio cuore si rivolge a tutti coloro che hanno dovuto affrontare una perdita e un dolore reali. Ma voglio farvi sapere che non è sempre un assassino, e possiamo e vogliamo battere questa cosa. Mando amore a tutti i miei amici e fan, in Italia in particolare, nel Regno Unito e negli Stati Uniti e in tutti i luoghi del mondo che ho avuto la fortuna di visitare nei miei viaggi con i Duran Duran. Non vedo l’ora di tornare sul palco, condividendo nuova musica, amore e gioia. Restate al sicuro, restate connessi e diventate creativi!”.

Visualizza questo post su Instagram

Thank you for sharing with us John! Much love to you & your family! So glad you’re feeling better! ❤️❤️❤️ #Repost @fluffywraxall with @make_repost ・・・ DEAR FRIENDS OF MINE after giving some thought to this, I have decided to share with you that I tested positive with the Corona Virus almost three weeks ago. Perhaps I am a particularly robust 59 year old – I like to think I am – or was blessed with getting only a mild case of Covid 19 – but after a week or so of what I would describe as a ‘Turbo-charged Flu’, I came out of it feeling okay- although I must admit I didn’t mind the quarantine as it gave me the chance to really recover. I am speaking out in answer to the enormous amount of fear being generated by the pandemic, some of it entirely justified, and my heart goes out to everyone who has had to deal with real loss and pain. But I want to let you know that it isn’t always a killer, and we can and will beat this thing. Sending LOVE to all my Homies and Fans, in Italy ???????? particularly, the UK ???????? and the US ???????? and everywhere in the world I have been lucky enough to visit on my travels with DURAN DURAN. Cannot wait to be back onstage again, sharing new music, love and joy. Stay safe, stay connected and get creative! Love John ????

Un post condiviso da John Taylor Daily (@john_taylor_daily) in data:

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festa a Primavalle, arrivano anche dai quartieri vicini per pranzare tutti insieme: denunciati

next
Articolo Successivo

Si tatua Giuseppe Conte sul braccio e commenta: “L’amore è follia”. Ma era uno scherzo per i genitori

next