Mascherine “altruiste”, “egoiste” e “intelligenti”: un tutorial sui dispositivi di protezione individuali girato da Alessandro Gasbarrini, direttore della Chirurgia vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo dell’Ospedale ortopedico Rizzoli di Bologna. Condiviso su whatsapp il video è stato oggetto di un veloce tam tam finendo sui social con migliaia di condivisioni. Definisce mascherine “altruiste” quelle chirurgiche, che proteggono gli altri dall’eventuale presenza di coronavirus ma non chi le indossa; “egoiste”: quelle con filtro Ffp2-3 con valvola: permettono di non infettarsi ma lasciano passare il coronavirus se si è contagiati; infine “intelligenti” quelle Ffp2-3 senza valvola, che servono a proteggere se stessi e anche gli altri.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il 16 aprile riparte il servizio civile per oltre 30mila volontari. Spadafora: “Riattivati progetti sospesi e al via i nuovi”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, le storie delle vittime – Addio a Pietro Formentini: il poeta che portava in scena la fantasia dei più piccoli. Disse: “Voglio far ridere, perché ridendo si pensa meglio e si muore un po’ meno”

next