Non c’è nessuna connessione tra il coronavirus e i casi di polmonite che si sono verificati tra il 20 dicembre 2019 e il 20 gennaio 2020 nella provincia di Piacenza. È il risultato di un’analisi condotta dall’Azienda sanitaria locale di Piacenza che ha ricontrollato le cartelle cliniche di tutti i pazienti ricoverati negli ospedali del territorio con una diagnosi di infezione polmonare, a cavallo dell’anno. In totale 215 casi, valutati singolarmente, spiegano dall’Ausl, alla ricerca di eventuali correlazioni con il Covid-19.

La sindrome data dal nuovo virus, infatti, spiegano gli esperti “ha un quadro clinico immediatamente riconoscibile”, tratti distintivi, come dei particolari addensamenti e opacità rilevabili con le radiografie e le tac, già indicati dalla letteratura scientifica. Per questo, mettendo a confronto gli esami fatti ai pazienti ricoverati con quelli dei casi accertati di Covid, è possibile arrivare alla conclusione della Usl, e cioè che “nessuno dei casi di polmonite di dicembre e gennaio possa essere riconducibile a Covid-19”.

Secondo la valutazione fatta il numero di polmoniti riscontrato “può essere imputato ad altre cause”. E “l’ipotesi che il picco di polmoniti di dicembre e gennaio possa essere anticipatorio o predittivo della successiva esplosione del contagio da Covid-19 alla fine di febbraio – sottolinea la Ausl – è da considerarsi categoricamente esclusa dalle evidenze scientifiche”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, violano la quarantena per benedire le palme. A Centocelle è tensione coi residenti che urlano dai balconi: “Dovete andare a casa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il Papa: “Guardate ai veri eroi, quelli che danno se stessi per servire gli altri”. L’omelia in una Basilica Vaticana vuota

next