Il musicista statunitense Ellis Marsalis è morto per le complicazioni del coronavirus all’età di 85 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato da un portavoce dell’Ellis Marsalis Center for Music:”Ellis Marsalis era una leggenda, un’icona, il simbolo di quello che intendiamo quando parliamo del jazz di New Orleans”, ha detto il sindaco di New Orleans, LaToya Cantrell.

Considerato una leggenda della scena musicale di New Orleans, tra i principali pianisti di modern jazz e patriarca di una famiglia di sei talenti, Ellis Marsalis si affermò più di 50 anni fa con il suo primo lavoro, “The Groovy Boys” e da allora ha avuto una grande influenza nella musica jazz. Ha suonato con i più noti jazzisti modern, tra cui Cannonball Adderley, Nat Adderley e Al Hirt, diventando uno dei pianisti jazz più stimati nell’ambito del modern jazz. Ha inciso una ventina di dischi e ha collaborato a album di altri grandi jazzisti come David Newman, Eddie Harris, Marcus Roberts e Courtney Pine. Come pianista si è dedicato anche all’insegnamento.

Ellis era il padre di una famiglia di musicisti, tra cui spiccano il figlio Wynton Marsalis (1961), trombettista enfant prodige e diventato un filologo della musica afroamericana, emblema del riflusso delle avanguardie jazzistiche verso un mainstream riproposto tra virtuosismo e divismo, e il figlio Brandford (1960), un eccelso sassofonista jazz.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vittorio Sgarbi: “Non critico Salvini per la preghiera in tv con Barbara D’Urso ma Papa Francesco e il suo gesto abominevole nella piazza vuota”

next
Articolo Successivo

“Maurizio Costanzo ha il coronavirus”: ma è una fake news. Il giornalista smentisce

next