“Attenzione, non dobbiamo confondere i primi segnali positivi con un segnale di cessate allarme”, è il monito lanciato dal ministro della Salute Roberto Speranza, durante l’informativa di oggi a Palazzo Madama. “La strada da percorrere è ancora lunga – ha continuato il ministro – senza il vaccino non sconfiggeremo mai definitivamente il Covid. Per un periodo non breve dovremo saper gestire una fase di transizione“. Indispensabile “graduare la riduzione delle attuali limitazioni”, ha aggiunto, “per evitare che riesplodano nuovi gravi focolai di infezione”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’informativa del ministro della Salute Roberto Speranza alla Camera: segui la diretta

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Conte a opposizioni: “Al lavoro su decreto per dare liquidità a imprese. In Ue sono i vostri alleati che contrastano l’Italia”

next