Claudio Brachino lascia Mediaset dopo trentadue anni, il rapporto lavorativo si è concluso il 31 marzo come comunicato in una nota stampa dall’azienda di Cologno Monzese: “Si conclude oggi consensualmente il rapporto professionale tra Mediaset e il giornalista Claudio Brachino. Mediaset ringrazia Brachino per il contributo assicurato in questi anni e gli augura i migliori successi professionali”. Il giornalista di Viterbo ha diretto Videonews e Sport Mediaset, ha condotto Studio Aperto, dove ha anche avuto un ruolo di vicedirettore, e Mattino 5 prima con Barbara D’Urso e poi con Federica Panicucci.
Negli anni Brachino è stato responsabile di numerosi programmi informativi del Biscione: da Quarta Repubblica a Tiki Taka, da Top Secret a Pomeriggio 5. Il giornalista da qualche anno aveva lasciato il video per concentrarsi sui suoi impegni dirigenziali ma da diversi rumors avevano sottolineato i rapporti non idilliaci con Mauro Crippa, direttore generale Informazione Mediaset.
Già a settembre scorso in un retroscena Dagospia annunciava la rottura: “La notizia si può sintetizzare in poche parole: Silvio Berlusconi non comanda più nemmeno a casa sua. A Mediaset regna l’autogestione sul fronte informativo ormai da mesi e Dagospia può anticiparvi che domani Claudio Brachino, dopo oltre trent’anni, rassegnerà le dimissioni all’azienda che lo ha visto nascere e crescere con la benedizione del Cavaliere. Una retrocessione era arrivata già il mese scorso quando gli era stata tolta la direzione di VideoNews e affidato un ruolo praticamente ininfluente, quello di direttore ad personam della Direzione Generale Informazione.
Brachino, pur godendo della stima di Silvio Berlusconi, sembra essere molto lontano dall’attuale linea filo-Salviniana che a Cologno Monzese regna da tempo. L’ex dirigente Mediaset non ha fornito nessun commento, non sono da escludere nuovi impegni professionali nei prossimi mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), dal nuovo ospedale in Fiera a Milano al blocco delle mascherine: rivedi il programma di Peter Gomez

next
Articolo Successivo

Barbara d’Urso, petizione per chiudere i suoi programmi. Lucio Presta: “‘Suora laica’ in paillettes che produce orrore televisivo”. Poi si fa una domanda

next