Lo scorso 16 marzo Antonio Mirra, sindaco di Santa Maria Capua Vetere, ha ‘accusato’ Giuliana De Sio di aver portato il coronavirus nel casertano: “La ricostruzione dei contatti spetta all’Asl, ma faccio notare che l’attrice ha raccontato di aver contratto il virus a metà febbraio ed è stata al teatro Garibaldi a Santa Maria Capua Vetere il 24 febbraio”, scriveva il primo cittadino su Facebook. E Giuliana De Sio, oggi che finalmente sta bene e ha superato la malattia, ha deciso di rispondere con un lungo post: “Signori e signore statemi a sentire un attimo. Io so che su questa pagina circolano centinaia di migliaia di anime il 99,9 per cento gentili, civili e di indole buona, e che ringrazio sempre per farmi l’onore della loro amicizia. Ma c’è una piccola fascia oscura che parla e insulta fino al vilipendio chi giudica ”più fortunata” senza nemmeno preoccuparsi che quello che scrive è così grave da essere passibile di denuncia penale“. Inizia così, il lungo sfogo dell’attrice. Che racconta come si sono svolte i fatti non tralasciando alcun dettaglio: “ORA I FATTI: il 19 febbraio ero in tournee con lo spettacolo “LE SIGNORINE “ E SONO PASSATA PER CREMONA, dove presumibilmente potrei essere stata contagiata. Ma questa cosa io l’ho saputa ovviamente due settimane dopo, quando dopo una febbriciattola durata cinque o sei giorni (che davo per scontato fosse una normale influenza, perché del virus ancora si parlava in termini non certamente allarmistici) ho comunque interrotto la tournee a Messina dove mi ha visitato un dottore diagnosticandomi l’influenza, e sono tornata a Roma. Siamo ai primi di marzo, la febbre saliva. ho chiamato il medico di base che mi ha visitata e abbiamo deciso di chiamare lo Spallanzani che mi ha inviato una ambulanza, mi hanno fatto una tac, il tampone e mi hanno diagnosticato una polmonite e la positività al test. I problemi respiratori a quel punto si stavano aggravando e ho avuto bisogno dell’ossigeno e dell’isolamento e su quanto ho sofferto non dirò una parola“.

Il post continua, e l’attrice dimostra forza nel rispondere a chi le ha dato dell'”assassina” senza alzare mai i toni: “Era il 3 marzo quindi sia chiaro agli scellerati che mi “accusano “ di avere portato il virus a Santa Maria Capua Vetere che tra l’altro probabilmente quando sono arrivata lì non avevo nemmeno ancora né i sintomi né la coscienza di star covando un virus che si sarebbe di lì a poco rivelato come un flagello. Ed è molto probabile , anche se irrilevante per me, che io possa essere stata contagiata proprio in qualche teatro nel dopo spettacolo, con tanta gente carina che veniva ad abbracciarmi e a farsi le foto in camerino. Tutte persone ovviamente inconsapevoli di quello che stava avvenendo e verso le quali non ho la cretinaggine di nutrire alcun rancore. Ho passato un inferno che non riesco ad augurare nemmeno a quegli scellerati che mi danno dell’“assassina” e che evidentemente non sanno quello che fanno. Continuate a volermi bene, voi che sapete farlo, e io ne vorrò a voi. A proposito, per quelli che non hanno seguito la vicenda, sono “completamente” guarita”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Carlton Myers indossa le maglie delle sue squadre: “Sapete perché non dobbiamo arrenderci? Perché l’Italia non si arrende mai”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Elettra Lamborghini su tutte le furie: “Ora mi girano i cog***ni”. Ecco cosa è successo

next