Un incendio è divampato nella notte tra sabato e domenica 29 marzo, all’interno dell’insediamento abusivo in cui vivono molti migranti (la maggioranza dei quali impiegata nei campi come braccianti) a Borgo Mezzanone, accanto al Cara che si trova a pochi chilometri da Foggia. Nessuno degli ospiti fortunatamente è rimasto ferito, mentre una trentina di baracche è andata distrutta. Sul posto sono arrivate sette squadre dei Vigili del Fuoco che hanno lavorato fino all’alba per domare il rogo. Stando a primi accertamenti, l’incendio sarebbe di natura accidentale.

” Il Governo esprima umanità a questi lavoratori prevedendo una sistemazione abitativa” è l’appello di Abobuakar Soumahoro, sindacalista dell’Usb da anni ormai impegnato nella difesa dei diritti dei braccianti. Non è la prima volta che nella baraccopoli di Borgo Mezzanone si verificano incendi. L’ultimo, in ordine di tempo, è avvenuto lo scorso 4 febbraio quando morì una donna africana rimasta gravemente ustionata nel rogo provocato dall’esplosione di una bombola del gas. Un episodio analogo si era già verificato ad aprile dello scorso anno quando un incendio partito da un allaccio abusivo alla corrente elettrica provocò la morte di un gambiano di 26 anni. Il primo novembre 2018, invece, in un incendio dalle vaste dimensioni perse la vita un altro giovane africano. Nel ghetto di Borgo Mezzanone sono in corso una serie di azioni, coordinate dalla Prefettura, volte al progressivo smantellamento dell’insediamento abusivo

video Facebook/Aboubakar Soumahoro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Raggi vara una task force per studiare le misure anti povertà a Roma: dallo stop affitti comunali a bonus emergenza

next
Articolo Successivo

Coronavirus, quei 25mila albanesi “adottati” da una città: a cosa si riferisce il premier Edi Rama nel discorso per l’invio di 30 medici

next