Mancano almeno 46 mila tablet per la didattica a distanza. È questo il dato che emerge da una prima rilevazione del ministero dell’Istruzione che ha attivato un monitoraggio sulle scuole per verificare la modalità di realizzazione delle lezioni online. Tutto è partito dalla richiesta arrivata a Roma da parte dei dirigenti scolastici che in queste settimane stanno facendo tutto il possibile, grazie ai loro insegnanti, per raggiungere quei bambini e quei ragazzi che non sono dotati di personal computer o connessione. Da viale Trastevere è arrivata subito una prima risposta. L’articolo 120 del Decreto legislativo 18/2020, prevede lo stanziamento di 85 milioni di euro per far fronte all’emergenza coronavirus e garantire il diritto allo studio mediante l’utilizzo della didattica a distanza. Gli 85 milioni sono ripartiti: dieci milioni per dotare immediatamente le Istituzioni scolastiche di strumenti digitali ed infrastrutture di e-learning; settanta milioni per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d’uso, dispositivi digitali individuali per la fruizione delle piattaforme di apprendimento e per garantire la connettività di rete nei territori dove essa sia carente o mancante e cinque milioni per la formazione on line dei docenti sulle metodologie e le tecniche per la didattica a distanza. Intanto anche a Milano il sindaco Giuseppe Sala ha dato mandato all’assessore all’istruzione Laura Galimberti di avviare un censimento delle necessità degli alunni in difficoltà e il Comune si prepara a consegnare 150 computer donati da Lenovo.

Dal monitoraggio del ministero al quale ha risposto il 93% delle scuole italiane emerge che il 67% degli istituti che hanno attivato l’attività a distanza prevede per essa specifiche forme di valutazione; più di 6,7 milioni (su 8,3 milioni) di alunni sono stati raggiunti attraverso mezzi diversi da attività di didattica a distanza; l’89% delle scuole ha predisposto attività e materiali specifici per gli alunni con disabilità; l’84% ha predisposto attività e materiali per alunni con Dsa; il 68% delle scuole ha predisposto attività e materiali per alunni con Bes non certificati e il 48% delle scuole ha svolto riunioni degli organi collegiali a distanza.

Per gestire la situazione il ministero dell’Istruzione ha istituito la task force “Emergenze educative” diretta da Giovanna Boda. Un’equipe multi-specialista è a supporto delle famiglie per gestire e contenere, anche a distanza, difficoltà e bisogni specifici: dal pediatra al neuropsichiatra, dallo psicologo al logopedista un team di esperti è a disposizione per fornire ai docenti e alle famiglie gli strumenti per sostenere bambini e ragazzi tutti, e in particolari chi ha difficoltà di apprendimento o disabilità. Inoltre viene realizzato un percorso di formazione a distanza per i docenti al fine di dare loro gli strumenti necessari per poter gestire l’ansia e lo stress dei loro studenti. Un team di esperti lavora in gruppo, per sostenere gli insegnanti nel loro ruolo educativo e supportarli nella gestione della relazione con gli alunni in una fase d’emergenza.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, ministra Azzolina: “Sicuramente non si torna a scuola il 3 aprile. Chi doveva essere rimandato potrà recuperare”

next
Articolo Successivo

Scuole chiuse, sarebbe così grave se si promuovessero tutti?

next