Le distanze imposte, in questo periodo, condizionano la ritualità dell’addio, privandoci di qualsiasi momento di incontro per onorare la memoria del defunto.

Accanto all’aspetto informale dei rituali e della gestualità, il passaggio nel mondo dei morti può essere valorizzato anche con una cerimonia commemorativa a distanza.

Associazioni e società di onoranze funebri, soprattutto e purtroppo in Emilia Romagna, Lombardia e Veneto, stanno proponendo soluzioni alternative che suppliscano all’impossibilità di celebrare l’ultimo saluto insieme ai familiari ed agli amici.

La presenza fisica del cerimoniere funebre può essere sostituita da una video-chiamata o da altre soluzioni tecnologiche. Uno schema rituale può comunque essere di aiuto per organizzare anche virtualmente e gestire in autonomia la cerimonia funebre.

Non esiste un modo particolare, perché i rituali possono essere intrapresi in qualsiasi momento.

1. È opportuno prevedere un orario ed individuare lo spazio più idoneo.

2. Esprimere sentimenti di dolore e parole di gratitudine, per condividere, anche se a distanza, il conforto e la vicinanza delle persone, alternati da “momenti di silenzio” in omaggio al defunto.

3. Ogni familiare, senza fretta e senza forzature o imposizioni, può prendere parola e dare voce al dolore. È bene fare esprimere anche i bambini che sono il catalizzatore della famiglia; di fronte all’evento luttuoso sono più in sintonia di quanto non si creda con i sentimenti degli adulti. Un misto di lacrime e risate caratterizzerà la commemorazione privata, in cui l’affollarsi dei ricordi diventa momento aggregatore della cerimonia.

4. Una preghiera laica esprime la mia vicinanza, a tutti coloro che condividono nel dolore, il lutto di questo tempo.

Accendo questa candela
perché la sua fiamma
brilli nel silenzio mattutino
nel pomeriggio ardente
nella notte che viene.

Accendo questa candela per noi.
Il mio amore ti accompagni
in questo viaggio
insieme al popolo di stelle.

La tua essenza brilli forte
così che possa vederti o sentirti
così che possa calmare la paura
e asciugare le lacrime.

Un
Buon viaggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Siamo fragili e vulnerabili. E potenzialmente meravigliosi. Cambiamo prospettiva

next