Passerà. Passerà anche questa. Il prezzo è inestimabile (e non penso all’economia, ma alla vita e alla morte). Passerà anche se non si vede ancora il futuro, anche se arriverà non si sa quando. Allora occorrerà pensarci, non solo al presente, per mettere insieme la consapevolezza di quanto sia importante quello che in molti abbiamo scoperto d’avere: una sanità pubblica. Il presente va vissuto, ricostruito, mettendo da parte qualche mattone portante per ogni domani che ci precede.

Riapriranno le scuole e dovremo ripensare le gite: a piedi, in bici, con i mezzi pubblici alla scoperta delle nostre città, in quei luoghi talmente scontati che abbiamo smesso di farci caso fino ad oggi, quando li abbiamo scoperti “madre e padre”. Il senso civico si forma alle elementari, in tempo per camminare insieme tra i padiglioni di un Ospedale, davanti alla caserma dei Pompieri, quella della Polizia, Prefettura, Vigili Urbani, Municipio (non tutto nello stesso giorno, poco alla volta), la Pubblica Assistenza, sedi di volontariato, i dormitori, le biblioteche e tutto ciò che esiste e ci aiuta e cura.

E mentre passeremo, e riscopriremo, spiegheremo alle bambine e ai bambini che tutto ciò è anche nostro e si mantiene col versamento delle tasse, la quali non sono un dispetto dello Stato, ma una logica in cui riflettere il contributo sociale e civico di ciascuno di noi, ad eccezione dei piccoli e grandi evasori, parassiti sulle spalle di chi onestamente fa la sua parte.

La cultura fatta solo di musei, teatri, cinema, gallerie è nulla senza quella cultura che la precede, quella civile. Vuoi mai che il futuro che prepariamo oggi ci riservi cittadini migliori di quello che abbiamo saputo insegnare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, scuola sospesa tra rientro a maggio e anno chiuso. Nei licei avanti col programma (con l’incognita maturità). Alla primaria “si fa qualche attività, impossibile la valutazione”

next
Articolo Successivo

Mi commuovo sempre: sarà la quarantena. Ma pure la circolare ministeriale gioca brutti scherzi

next