Oltre a Gonzalo Higuain, tornato in Argentina per stare vicino alla madre malata, anche altri due giocatori della Juventus, Sami Khedira e Miralem Pjanic, hanno lasciato l’isolamento stabilito dalla società dopo la notizia della positività di Daniele Rugani per ricongiungersi alle loro famiglie. I calciatori bianconeri sono risultati negativi al coronavirus. Il club era a conoscenza dei movimenti dei suoi calciatori.

Higuain si è presentato all’aeroporto di Torino Caselle la notte scorsa con una certificazione medica per dimostrare di non essere positivo poi ha preso un jet privato per raggiungere la Francia. L’attaccante della Juventus è tornato Argentina ma, specifica Goal.com, non è stata nessuna fuga: Higuain è tornata dalla madre che è gravemente malata e ha informato la società.

Da quando è stata comunicata la positività del difensore Daniele Rugani, tutta la Juventus si trova infatti in isolamento. Un altro giocatore, Blaise Matuidi, ha contratto il Covid-19, mentre anche Cristiano Ronaldo sta rispettando la quarantena a Madeira, in Portogallo, dove era volato per stare vicino alla madre colpita da un ictus ancora prima dello stop al campionato e della positività di Rugani.

Higuain, scrive Repubblica, è stato fermato in aeroporto dagli agenti della Polaria, che alla fine ha autorizzato il volo. Il suo viaggio, però, prevede diverse tappe: Francia, poi Spagna e infine Argentina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, quando ripartirà la Serie A? Sul tavolo la data del 3 maggio, più probabile si sfori a luglio. Taglio degli ingaggi “non è tabù”

next
Articolo Successivo

Ti ricordi… il paraguaiano Neffa: secondo Boniperti doveva essere il nuovo Maradona, ma non sfondò e lasciò il calcio per amore

next