Il dramma dell’emergenza sanitaria da Covid-19 ha coinvolto tutti, ma in particolare le persone che vi lavorano e quelle che necessitano di cure e di terapie intensive.

L’aspetto più tremendo e traumatico, al quale non è possibile ovviare, e che rende questa crisi globale ancora più dura da affrontare, è che le persone non possono essere assistite dai familiari, anche nel caso di patologie diverse, per la limitazione o il divieto posti agli ingressi nelle strutture ospedaliere.

Persone che, fino a poche settimane fa, erano alle prese con i malanni dell’età e che mai avrebbero pensato di finire i loro giorni a causa di un’epidemia tanto sconosciuta quanto terribile, muoiono in solitudine perché privati di una preghiera, di un abbraccio e di una parola di conforto di parenti, amici e conoscenti: nella grande maggioranza dei casi le famiglie, al momento della morte del proprio caro, sono sottoposte a quarantena, presso la propria abitazione.

Non solo quindi viene sacrificato il culto dei morti, dove la sepoltura è il segno antropologico della fiducia che ogni civiltà pone in una vita al di là, ma anche il rito del commiato, religioso o laico che sia.

Accanto al lavoro eccezionale e inesauribile dei medici e degli infermieri, esiste anche l’invisibile opera degli operatori funerari. Anch’essi hanno scelto di non sottrarsi ai propri compiti, ben conoscendo il concreto rischio, esposti al contagio sia in ospedale che presso l’abitazione; anch’essi di fronte ai corpi contagiati devono proteggersi per tutelare se stessi e le proprie famiglie o i parenti del defunto.

Professionisti che, ben consci dell’etica che questo tipo di servizio deve garantire, sistemano il morto in qualunque condizione, nel rispetto e nella dignità del defunto e di coloro che restano.

Dopo anni di individualismo, questo momento ci sta insegnando che l’unico modo per superare la paura è quello di farlo insieme. Non siamo mai riusciti a fare veramente qualcosa tutti insieme, ma forse questo è un nuovo modo per scuotere le coscienze e cambiare veramente.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, c’è un termine antico che fa da potente antivirus all’odio per il prossimo

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il pericolo esiste ma vivere in uno stato di allarme perenne non aiuta

next