Duro monito del direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, a Walter Ricciardi, membro dell’Oms e consulente del governo Conte 2 per l’emergenza del coronavirus, sulla introvabilità delle mascherine protettive a Milano.
Nel corso della trasmissione “Dimartedì”, su La7, Sallusti, in collegamento dal capoluogo lombardo, accusa l’esecutivo: “Il ministro Speranza ha annunciato grandi progetti e il premier Conte ha parlato di miliardi come se fossero noccioline. Però io stasera sono qui in questo piccolo studio di Milano senza mascherina, non perché sono un incosciente, né perché ho qualche problema estetico. Non ce l’ho perché a Milano da 10 giorni non si trovano mascherine“.

E rincara: “A Milano siamo un milione e mezzo e in Lombardia 10 milioni. E il governo ci ha lasciato senza mascherine. Mi dicono che domani forse riesco a recuperare una mascherina al mercato nero a 36 euro. Ve lo giuro. Allora, la smettano di parlare di miliardi e di progetti e diano ‘ste cazzo di mascherine ai lombardi”.
Pronta la replica di Ricciardi: “Guardi che la scarsità di mascherine e di dispositivi di protezione è europea, non dipende dall’Italia“.

“No – insorge Sallusti – Un governo serio fa stampare mascherine a tempo pieno. Se siamo in emergenza al punto da non poter uscire di casa, un governo serio apre una fabbrica e costruisce mascherine dalla mattina alla sera”.
“Le mascherine erano prodotte prevalentemente in Cina – spiega Ricciardi – Adesso il governo ha autorizzato la produzione straordinaria di mascherine da parte di fabbriche che non le realizzavano più, perché non erano nelle linee produttive. E contemporaneamente ieri abbiamo avuto un incontro con il governo cinese: domani o dopodomani arriverà un cargo straordinario di milioni di mascherine“.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Spadafora su La7: “Stop al calcio in ritardo? Eufemismo. La Lega Serie A non voleva fermarsi per motivi economici”

next