E’ morto a Piacenza il consigliere comunale della Lega Nelio Pavesi. Docente di musica e pianista, aveva 68 anni ed era ricoverato da alcuni giorni in ospedale dopo essere stato contagiato dal coronavirus: il decesso è stato causato da “alcune complicanze” dovute alla malattia. Nei giorni scorsi erano risultati positivi al test anche la sindaca Patrizia Barbieri e l’assessore Jonathan Papamarenghi. Noto volto della politica locale, è stato tra i primi iscritti del Carroccio nei primi anni ’90, ha ricoperto il ruolo di consigliere comunale dal 1998 al 2002 e poi di nuovo nel 2017 dopo la vittoria del centrodestra alle elezioni amministrative. Pavesi, diplomato al conservatorio Nicolini, ha insegnato educazione musicale alle scuole medie per 37 anni. Secondo il quotidiano piacentino Libertà, Pavesi era stato amico personale del tenero piacentino Flaviano Labò che era solito accompagnare al pianoforte.

Tra i primi a ricordarlo la sindaca Patrizia Barbieri: “Ciao Nelio”, ha scritto sul suo profilo Facebook, “con grande dolore oggi ho appreso della tua scomparsa. Pubblicamente ti voglio salutare e ringraziare per tutto l’impegno che in questi anni hai sempre messo nello svolgere il tuo ruolo di Consigliere comunale. Mi mancherai”. Il consigliere regionale del Carroccio Matteo Rancan ha invece diffuso una nota: “Oggi è un giorno triste per il mondo della musica, per la Lega e per Piacenza”, si legge. “Nelio era un uomo perbene, padre sollecito, marito premuroso. Di lui ci rimarranno i suoi insegnamenti, la sua simpatia, il suo impegno e il suo amore per Piacenza, per la quale si è sempre battuto dai banchi del consiglio comunale”. Anche gli esponenti 5 stelle in consiglio comunale e i parlamentari emiliani hanno voluto ricordare Pavesi: “Grande protagonista del dibattito politico piacentino, Pavesi si distingueva per la sua cultura e la sua tenacia nel portare avanti battaglie anche in dissenso con il suo stesso partito. Il Consiglio Comunale di Piacenza perde oggi uno dei suoi membri più rappresentativi.”

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Zingaretti: “Ci insegna che abbiamo bisogno gli uni degli altri. Bene il governo coi provvedimenti, ora stiamo a casa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Emiliano: “Se in Puglia ci saranno 2500 contagi come in Lombardia, saremo fuori e non riusciremo più a reggere”

next