“Apprendo che la direzione generale della Rai avrebbe deciso di non mandare in onda Porta a porta nelle giornate di oggi, mercoledì, giovedì. Da soldato, sono abituato da sempre a rispettare le decisioni aziendali. Ma questa mi sembra gravissima e pretestuosa“, in una nota inviata alle più importanti agenzia di stampa Bruno Vespa mostra tutto il suo disaccordo per la sospensione della storica trasmissione in onda in seconda serata su Rai1. Uno stop non legato ai problemi organizzativi, nati dopo le nuove direttive sul Coronavirus, ma per la presenza nello studio di via Teulada mercoledì scorso di Nicola Zingaretti, il segretario del Pd poi risultato positivo al Covid-19.

“Nicola Zingaretti è venuto a Porta a porta nel pomeriggio di mercoledì scorso e ha manifestato i primi sintomi di positività al virus sabato. Il direttore generale dello Spallanzani, professor Ippolito, mi ha confermato che il rischio si limita alle persone che nelle 48 ore precedenti (e non 72, come nel nostro caso) abbiano avvicinato la persona infetta per più di mezz’ora a meno di un metro di distanza. Questo con Zingaretti non è avvenuto. Non esiste pertanto alcuna ragione sanitaria si cui si fondi il provvedimento”, ha aggiunto il giornalista.

Dopo l’annuncio della positività al test del leader del Pd era scattato il panico, anche perché proprio a Porta a Porta due giorni dopo erano arrivati tutti i volti Rai nello speciale in onda in prime time. Come comunicato anche dal Corriere della sera Vespa si è sottoposto volontariamente al tampone ed è risultato negativo.

Il giornalista non risparmia un attacco sul finale all’Usigrai: “Debbo purtroppo concludere che la direzione aziendale ha tenuto conto del parere del segretario Usigrai che da sempre considera ‘Porta a porta’ un abuso. Ma questo dà alla decisione un sapore politico che mi preoccupa. Mi auguro perciò che domani e dopodomani ‘Porta a porta’ possa andare regolarmente in onda nelle modalità che saranno concordate.”

Il riferimento è a Vittorio Di Trapani, segretario del sindacato, che sulla sua pagina Facebook si era chiesto: “Bruno Vespa si è sottoposto al tampone ‘volontariamente’. Cioè? Esiste una procedura volontaria? Io avevo capito che i tamponi sono decisi dal Servizio Sanitario Nazionale secondo protocolli precisi. Sono contento che sia negativo. Ma ricordo – a tutela di tutti – che l’incubazione – per tutti – è fino a 14gg”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nicola Porro: “Mi sono beccato il Coronavirus. E’ peggio di una brutta influenza, state a casa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’ex tronista Leonardo Greco ricoverato con problemi respiratori: “Vi parlo dal letto dell’ospedale Sacco, il virus colpisce anche i giovani. Non è uno scherzo”

next