Quando si tratta di temi importanti e fondamentali come la salute, il mondo dello spettacolo si unisce all’istante per sensibilizzare l’opinione pubblica. È il caso delle disposizioni del Governo per contenere al massimo il contagio del Coronavirus ed evitarne la propagazione, oltre alle misure di igiene personale basilari, gli esperti invitano la popolazione a non uscire di casa e limitare al massimo i contatti sociali. Non tutti però hanno rispettato i consigli e le direttive. Ecco che cantanti, presentatori, attori hanno deciso attraverso i social di rivolgersi ai propri fan per invitarli a restare a casa, subito in tendenza sono finiti gli hashtag #IoRestoACasa #RestiamoACasa e #RestateACasa.

Fiorello si lancia subito in qualche idea utile per passare del tempo a casa: “Si riscoprono giochi nuovi. Potete giocare e Monopoly, a Risiko, al mimo dei film, potete fare il karaoke, divertirvi con i vostri genitori, i vostri parenti. State a casa che è meglio, evitiamo di uscire in questo periodo! Si sta tanto bene sul divano, guardate come sto sereno io. C’è del casismo intorno a me, fai come me: resta a casa”. All’invito si accoda anche il fratello, l’attore Beppe: “A tutte le persone che si sono sempre fidate di me dico, ‪#iorestoacasa e approfitto per colmare qualche lacuna, leggerò e scriverò come ho sempre fatto, questo tempo lo sto dedicando anche alle mie prossime storie per voi, dal profondo del cuore vi chiedo ‪#restateacasa”.

La lista continua con Alessandro Borghi (“Non è che uscite perché tanto non ce l’avete – scrive l’attore romano – e quindi “ao io faccio quello che voglio sto bene so libero viva la libertà so fico non mi fermo ce l’hanno i cinesi”), Eros Ramazzotti, Amadeus, Antonella Clerici, Alessia Marcuzzi, Alessandro Gassmann, Fiorella Mannoia “I ragazzi e le ragazze pensano che questa cosa del Coronavirus non li riguardi e continuano a uscire tranquillamente, così incoscientemente rischiano di far veicolare il pericolo. Ragazzi per una questione di altruismo. State a casa”), Giorgia (“Ci dicono che l’unico modo per contrastare l’emergenza è evitare i contatti, l’isolamento è un sacrificio sotto tanti punti di vista ma ora è la più efficace arma che abbiamo”), Laura Pausini (“È una cosa molto seria. Ovvio chi lavora non può fare altro. Ma chi può restare a casa state a casa. Il virus non perdona. E se vi infettate poi infettate chi vi è vicino. Pensate alla salute dei vostri cari, dei vostri nonni, di chi vi circonda”), Ligabue (“La cosa è seria, ragazzi. Aiutiamoli(ci) a contenere il contagio”), Paola Turci, Giuliano Sangiorgi (che addirittura ha scritto un brano inedito dal titolo Restiamo a casa dedicato al tema e ispirato dopo aver visto la gente scappare da Milano dopo la diffusione della prima bozza delle decisioni del Governo), così come cantano anche Jovanotti (“Ragazzi stiamo a casa, seguiamo le direttive. Non c’è scuola perché è vacanza, ma perché c’è un’emergenza. Dobbiamo fermare il contagio, avere senso civico e rispettare gli altri) e Tiziano Ferro, Pinguini Tattici Nucleari, Nek, Emma, Alessandra Amoroso, Francesco Sarcina, Ermal Meta (“Restate a casa il più possibile. Non sottovalutiamo quello che succede. Finirà bene”), Gigi D’Alessio, Noemi (“Mi raccomando rispettiamo le regole, non partiamo dalle regioni che sono state chiuse. So che è dura per noi, ma non vuol dire mettere in quarantena i sentimenti, ma avere una possibilità di far finire questo periodo della nostra vita”), Mahmood, Tommaso Paradiso e Levante.

E infine anche la regina delle influencer Chiara Ferragni ha fatto un appello molto importante: “Rischiamo che le terapie intensive siano piene e i medici debbano iniziare a scegliere quali pazienti aiutare e quali no. Dobbiamo sacrificarci per il bene degli altri, è il momento di avere paura, non fatevi prendere dall’ansia, siate intelligenti, cambiate la vostra routine, ma solo questo porterà a debellare il virus”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, RaiDue nella bufera: l’astrologo da Simona Ventura spiega “cosa dicono le stelle”. Laganà: “Basta con questa cialtroneria”

next