Archie, la regina aspetta te. Sta assumendo i connotati di un melodramma l’assenza del baby royal dal Regno Unito oramai da inizio 2020. Secondo diversi tabloid inglesi nemmeno la prossima settimana il figlio di Meghan e Harry farà ritorno in patria dal Canada, nonostante la visita di passaggio della duchessa del Sussex che raggiungerà il marito per partecipare agli ultimi impegni ufficiali che protocollo reale richiede.

Secondo il Sunday Times la scelta di lasciare il piccolo Archie in Canada avrebbe provocato molta tristezza nella 93enne regina Elisabetta e nel 98enne nonno principe Filippo. Per tutta la durata della trasferta di Meghan e Harry, il bimbo rimarrà con la tata dei Sussex e l’amica di Meghan, Jessica Mulroney in Canada. I tabloid segnalano che l’ultima apparizione pubblica di Archie è su Instagram e risale a Capodanno. Decisione che si inserisce nel periglioso e complesso piano di distacco definitivo della coppia reale dalla Corona inglese.

Come ricorda Vanity Fair nei giorni scorsi Harry, “che ha chiesto ai suoi delegati di non essere più chiamato principe”, è giunto nel Regno Unito viaggiando su un volo commerciale raggiungendo poi Edimburgo con un treno ecologico LNER. Successivamente ha registrato un duetto con Jon Bon Jovi negli Abbey Road Studios per un nuovo singolo di beneficenza, fino alle foto sulle storiche strisce pedonali di fronte allo studio di registrazione che fu anche dei Beatles. Insomma, in attesa della duchessa, il duca sta facendo di tutto fuorché interpretare il ruolo dell’azzimato e antico discendente reale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, ecco i cachet di alcuni vip: Marini 20 mila euro a settimana

next
Articolo Successivo

Oprah Winfrey, brutta caduta sul palco: “Ho scelto le scarpe sbagliate”

next