Nuova eruzione in Indonesia del vulcano Merapi, sull’isola di Giava, circa 520 km a est di Giacarta. L’eruzione ha provocato una colonna di cenere alta oltre sei chilometri e la chiusura dell’aeroporto internazionale di Solo, a Surakarta, a circa 40 chilometri di distanza. Al momento non sono presenti vittime, ma cenere e sabbia hanno ricoperto le città nel raggio di 10 chilometri. L’allerta è alta: nel 2010 lo stesso vulcano eruttò causando la morte di oltre 300 persone. Stessa cosa successe nel 1994, quando a perdere la vita furono 60 persone, mentre nel 1930 furono circa 1300. Nelle immagini il momento dell’eruzione e la colonna di fumo conseguente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in Spagna il contagio avanza ma i cittadini sono fiduciosi (e non se la prendono con gli italiani)

next