“Per prendere le decisioni politiche e sanitarie bisogna seguire la traiettoria del Covid-19 e non limitarsi a contare i numeri del giorno”. Per il presidente della Fondazione indipendente Gimbe, Nino Cartabellotta, i dati mostrano che il virus si sta diffondendo rapidamente in tutta Italia. Per questo, secondo l’esperto, non c’è più tempo da perdere: “Bisogna estendere le misure restrittive applicate nel Nord Italia anche al resto del Paese”.

Il numero uno della fondazione Gimbe suggerisce in sostanza di chiudere scuole e le attività commerciali ad esclusione di quelle di pubblica utilità, di sfruttare il telelavoro e di vietare assembramenti. “Ci sono regioni come le Marche dove fino al 26 febbraio non c’era neanche un caso, mentre oggi ce ne sono 61. Il virus è probabilmente ormai in tutte le regioni italiane e si espande rapidamente” aggiunge. Nonostante le evidenze numeriche, la politica continua però a non vedere il problema: “Nessuno vuole ascoltare. Il governo è preoccupato dai danni economici, ma se il virus si diffonde in tutto il Paese c’è il rischio che la sanità vada in tilt. Se persino la Lombardia che è un esempio di efficienza è andata in affanno, figuriamoci cosa potrebbe accadere in Regioni in cui la sanità è più debole”.

Ma non c’è forse la speranza che il virus diventi meno aggressivo, magari con l’aumentare delle temperature? “Guardi, mi sembra una favoletta – prosegue il numero uno della Fondazione che da anni si batte per il rafforzamento del Sistema sanitario nazionale – Vorrei ricordare che stiamo parlando di un virus nuovo di cui non conosciamo il comportamento. Stando ai dati, l’unica cosa di senso che si può fare è, ripeto, estendere le misure restrittive che possono contenere la diffusione del Covid-19. Peraltro, gli effetti di un tale provvedimento sull’andamento del contagio si vedranno solo dopo almeno 14 giorni. Il Giappone si è fermato per un mese e ora non hanno più nuovi casi, mentre la Corea non lo ha fatto e sta combattendo ancora con il virus”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, maxi rissa di adolescenti tra la sede della Regione e il Bosco Verticale: “In 60 contro uno. Lo hanno colpito con una cosa di ferro in testa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’Oms preoccupata: “C’è grave carenza mascherine”. E l’Italia è costretta a importarle: “Le cerchiamo in tutto il mondo”

next