Diciotto seggi speciali per i 5600 israeliani che si trovano in quarantena per il coronavirus. È la decisione presa per permettere il voto in totale isolamento. Organizzati con delle tende, i possibili contagiati possono votare con guanti e mascherine. I seggi saranno aperti fino alle 22, ore locali, quando poi i tre canali nazionali televisivi divulgheranno gli exit poll. Si tratta delle terze elezioni politiche in meno di un anno e anche questa volta, secondo i sondaggi, i due principali partiti Likud e Blu e Bianco viaggiano a pari merito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, scontri al confine con i militari greci. Unhcr: “Uso eccessivo della forza”. Naufragio a Lesbo, muore un bambino

next